HOME Articoli

Le Guide Bombolette spray al peperoncino: vademecum. Quando sono legali?

Le Guide Pubblicato il 13 luglio 2012

Articolo di

> Le Guide Pubblicato il 13 luglio 2012

Spray da autodifesa al peperoncino e sostanze irritanti: sono legittime ed entro quali termini? Tutto ciò che c’è da sapere.

Da qualche mese è entrato in vigore il nuovo decreto ministeriale che regolamenta e legalizza l’uso degli spray al peperoncino come arma di autodifesa. Ma, ad oggi, vi sono ancora diverse incertezze da parte della collettività: incertezze che cercheremo di definire con questo breve, ma esaustivo vademecum.

È legale vendere o acquistare le cosiddette bombolette spray al peperoncino?

È legale solo per quelle bombolette che rispondono alle caratteristiche fissate dal Decreto Ministeriale n. 103 del 12 maggio 2011. Tale provvedimento ha stabilito gli standard tecnici affinché tali strumenti non arrechino offesa permanente alle persone.

Se tali regole non vengono rispettate, gli spray di autodifesa sono considerati comuni armi da sparo [1] e il loro impiego, anche se per scopi di autodifesa, può implicare, a seconda della pericolosità del materiale in essi contenuto, un grave reato [2] o una semplice sanzione amministrativa [3].

Quali sono i requisiti fissati dal D.M. 103/2011 affinché gli spray al peperoncino non arrechino offesa alle persone e, quindi, siano considerati legali?

Innanzitutto essi devono nebulizzare solo una miscela a base di Oleoresin Capsicum (OC), sostanza derivata dal peperoncino di Cayenna.

Ogni confezione non può contenere una miscela superiore a 20 ml. (si deve trattare quindi di piccole dosi) e la percentuale di OC non può essere superiore al 10%, con una concentrazione massima pari al 2,5%.

La miscela erogata dal prodotto non deve contenere sostanze infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici.

Ogni bomboletta deve essere sigillata all’atto della vendita e munita di un sistema di sicurezza contro l’attivazione accidentale.

Lo spray può avere una gittata massima non superiore a tre metri.

Sulle bombolette devono essere rispettati alcuni requisiti di etichettatura (denominazione della ditta produttrice, istruzioni per l’uso, l’indicazione che l’utilizzo è consentito solo per sottrarsi a una minaccia o una aggressione che ponga in pericolo l’incolumità).

Dove si possono acquistare gli spray urticanti al peperoncino?

Ovunque. Su internet, nelle armerie, nei negozi di videosorveglianza, perfino nei supermercati e nelle farmacie. La vendita, infatti, è libera.

Chi può comprare gli spray urticanti?

Solo chi abbia compiuto almeno 16 anni. È vietato vendere il prodotto ai minori di tale età.

È davvero pericoloso, per chi lo subisce, l’uso delle bombolette spray al peperoncino?

Chi ha provato lo spray sulla propria persona, riferisce di dolori particolarmente elevati, tanto da immobilizzare l’uomo per circa 20 minuti. Tuttavia, esso non è in grado di causare lesioni permanenti.

note

[1] Ai sensi della legge 18 aprile 1975, n. 110.

[2] Cass. sent. n. 11753/2012.

[3] Cass. sent. n. 3116/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI