L’esperto | Articoli

L’articolo 4 Costituzione e il principio lavorista

19 Novembre 2016 | Autore:
L’articolo 4 Costituzione e il principio lavorista

Cosa significa «l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro»?

La Costituzione italiana, affermando che «l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro» (art. 1), sancisce il principio lavorista: il lavoro, dunque, costituisce il valore centrale dell’ordinamento e il criterio guida della politica nazionale, che deve essere indirizzata verso la massima occupazione.

La Carta costituzionale, inoltre, considera il diritto al lavoro (art. 4, comma 1, Cost.) come mezzo necessario per l’affermazione della personalità dell’individuo (MORTATI) e nello stesso tempo come strumento di progresso materiale e sociale (art. 4, comma 2, Cost.).

In quest’ottica, il lavoro rappresenta il primo diritto sociale, in quanto costituisce idealmente la fonte privilegiata di sostentamento dell’individuo e lo strumento imprescindibile per affermare la sua autonomia al fine di consentirgli l’esercizio di ogni altro diritto costituzionalmente garantito.

Il diritto al lavoro, sancito dal comma 1 dell’art. 4 Cost. (La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto), non attiva un diritto soggettivo perfetto azionabile in giudizio da parte del singolo lavoratore, bensì indirizza il legislatore ordinario al fine di attivarsi e promuovere le condizioni che rendano effettivo tale diritto. Pertanto, il diritto al lavoro si configura come:

  • diritto di libertà: ogni cittadino deve essere libero di scegliere quale attività lavorativa svolgere;
  • diritto civico: ogni cittadino ha un diritto (difficilmente esercitabile) di pretendere dallo Stato un «facere» per promuovere le condizioni che lo rendano effettivo.

Dalla lettura dell’art. 4, comma 2, Cost. (Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società) emerge la volontà del Costituente di considerare il lavoro non solo come diritto, ma anche dovere di solidarietà che ciascun cittadino è tenuto ad adempiere per contribuire al progresso dell’intera collettività.

manuale diritto costituzionale 2016



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube