Business | Articoli

Revisori Amministratori e Sindaci: niente IRAP, ecco quando

17 Ottobre 2016
Revisori Amministratori e Sindaci: niente IRAP, ecco quando

Paga l’IRAP il commercialista revisore, amministratore o sindaco, se il suo studio è inserito in un’associazione professionale?

La questione dell’IRAP dei piccoli non è mai stata diramata definitivamente, si trova difatti in un limbo normativo nel quale da una parte la magistratura ha creato dei precedenti, dall’altra i chiarimenti da parte delle Entrate non sono mai arrivati in maniera chiara e per tutte le fattispecie.

Di fatto esiste una discriminante per sapere se si è assoggettati o meno ad IRAP ed è il requisito dell’autonoma organizzazione.

Quando non si verifica l’autonoma organizzazione?

Manca l’autonoma organizzazione quando i profitti che si producono dipendono dal proprio lavoro individuale e non dal supporto di altri soggetti, siano essi soci o dipendenti.

Autonoma organizzazione dei commercialisti sindaci e revisori

Da ultimo la Cassazione ha stabilito che qualora i commercialisti in qualità di sindaci, amministratori o revisori agiscano all’interno di un’associazione professionale, i compensi relativi a tali attività specifiche non saranno soggetti ad IRAP se riescono a dimostrare che i profitti derivanti daqueste attività specifiche sono scorporatili dal resto dell’attività professionale.

IRAP dei piccoli: quando ricorre l’autonoma organizzazione?

La Cassazione ha affermato che il requisito dell’autonoma organizzazione sussiste nel caso di lavoro autonomo in questi casi:
“a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse;
b) impieghi beni strumentali eccedenti le quantità che secondo l’id quod plerumque accidit costituiscono nell’attualità il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività . anche in assenza di organizzazione oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui”.

Inoltre non rileva ai fini dell’autonoma organizzazione , e quindi dell’imponibilità IRAPl’avvalersi in modo non occasionale di lavoro altrui quando questo si concreti nell’espletamento di mansioni di segreteria o generiche o meramente esecutive, che rechino all’attività svolta dal contribuente un apporto del tutto mediato o, appunto, generico”.

Sindaci, amministratori e revisori: si deve dimostrare l’assenza di autonoma organizzazione

Nel caso analizzato dalla Cassazione la Suprema Corte ha rigettato il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate in quanto la Ctr aveva correttamente ritenuto “che l’attività in discussione fosse svolta: (a) singolarmente e separatamente da quella espletata all’interno dell’associazione professionale; b) senza ricorrere ad un’autonoma struttura organizzativa”.

Non sussisteva insomma il requisito dell’autonoma organizzazione nel caso di specie, dunque se pure è necessario valutare caso per caso, se l’attività specifica a cui si riferisce il ricorso è “distaccabile” dal resto dell’attività e viene svolta senza il supporto di altri, allora mancando il requisito dell’autonoma organizzazione, l’attività non è soggetta ad IRAP.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube