Diritto e Fisco | Articoli

Case e terreni abbandonati: come risalire al proprietario?

3 Dicembre 2016 | Autore:
Case e terreni abbandonati: come risalire al proprietario?

La ricerca del proprietario di un immobile abbandonato si articola attraverso vari uffici: il Catasto per risalire al nominativo del proprietario partendo dall’indirizzo del bene, la Conservatoria o l’Ufficio Anagrafe del Comune per individuare i recapiti dell’effettivo proprietario.

Può succedere di vedere un casale, piuttosto che un appartamento e rimanerne tanto colpiti da interessarsi per un eventuale acquisto. Così come può succedere di voler comprare quel pezzo di terra che confina con quello già di proprietà in modo tale da ampliare una coltivazione o semplicemente per assicurarsi il giardino intorno alla propria abitazione.
Tuttavia però non è sempre agevole risalire al proprietario di un bene immobile, soprattutto se questo è disabitato o, ancor di più, se è in evidente stato di abbandono.
Il bene, infatti, può essere di proprietà sia di un privato sia dello Stato, che può averlo acquisito per vari motivi, come ad esempio per successione in mancanza di eredi del defunto.

La ricerca del nominativo del proprietario partendo dall’indirizzo dell’immobile

Il primo passo da fare consiste nella ricerca catastale. Per fare ciò è possibile rivolgersi a un professionista che potrà ottenerla anche mediante accesso telematico ai registri oppure sarà possibile svolgere la ricerca personalmente. In questo ultimo caso, occorre recarsi presso il Catasto muniti dei dati relativi al bene al quale siamo interessati come, ad esempio, indirizzo e numero civico.
A questo punto, l’addetto all’ufficio fornirà le informazioni riguardanti la proprietà del terreno o dell’edificio e consegnerà il foglio mappale relativo all’immobile attraverso il quale, individuata la porzione di interesse, sarà possibile richiedere al medesimo ufficio la visura dell’immobile.
E’ grazie alla visura che sarà possibile individuare il nominativo del proprietario.

La ricerca dei recapiti del proprietario

Se la ricerca del proprietario non dovesse andar a buon fine per mancanza di recapiti, si noti che presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari sarà sempre reperibile l’atto di proprietà dove, per legge, devono essere indicati i vari recapiti delle parti.
Mentre non sorge alcun problema nel caso in cui il proprietario identificato a seguito dell’indagine catastale sia ancora in vita, diversa è l’ipotesi in cui il proprietario sia deceduto.
In questo caso sarà infatti necessario recarsi all’ufficio anagrafe del Municipio di ultima residenza dello stesso e cercare di scoprire i nominativi degli eventuali eredi che possono essere diventati proprietari dell’immobile.
Ma potrebbero non esservi eredi e il bene potrebbe essere stato ereditato dallo Stato. In questo caso, un’eventuale offerta d’acquisto dell’immobile dovrà essere rivolta al Consiglio Comunale e il Comune sarà parte nell’acquisto come fosse un privato cittadino.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Salve mia suocera ha scoperto dopo essere stata citata per danni dal vicino,di aver ereditato un rudere ,alla morte del marito.non essendo a conoscenza del rudere non e stata fatta nessuna successione ne manutenzione.dopo un indagine abbiamo scoperto che il rudere ,anche se nessuno ha mai fatto successioni di morte,e ora di fatto eredita di circa 50 persone .noi vorremo uscire da questa situazione ma essendo troppe persone non riusciamo a metterci d accordo sulla cessione o vendita o altro.cosa ci consigliate? Siamo stati da vari avvocati,ma con poche speranze.grazie

    1. Se non sono scaduti i termini potrebbe fare la rinuncia all’eredita’ , ovvviamente se l’eredita’ e’ limitata solo al rudere.

  2. Salve, scorrendo sul portale (Italian Land Finder) ho trovato un elenco di case e terreni abbandonati, nella mia provincia ho notato che in un paese vicino al mio risulata un terreno abbandonato, come ci si può muovere per sapere dov’è situato esattamente e se realmente è così…da questo elenco emerge solo un cognome. Se realmente fosse abbandonato e volessi coltivarlo, ne entrerei in possesso…o come funziona. Grazie

    1. Il diritto di proprietà non si estingue né si prescrive mai per mancato uso. Non perché un terreno non viene coltivato, sfruttato o diviso tra i proprietari può dirsi, in termini giuridici, “abbandonato”. Una situazione di abbandono di fatto, tuttavia, che possa costituire un pregiudizio per la salute dei confinanti, consente di chiedere al sindaco del Comune ove è situato l’immobile l’emissione di un’ordinanza d’urgenza con cui imponga, ai proprietari del terreno abbandonato, di metterlo in sicurezza, bonificarlo e compiere tutte quelle opere necessarie a non molestare i vicini confinanti.
      Sembra però di capire, dal quesito del nostro lettore, che questi voglia diventare proprietario del terreno abbandonato. ciò è possibile attraverso il meccanismo dell’usucapione che, detto in parole molto semplici, è il possesso per 20 anni continuativi dell’altrui immobile (leggi sul punto le istruzioni che abbiamo dato in Usucapione: quando e perché si perde il diritto di proprietà https://www.laleggepertutti.it/166349_usucapione-quando-e-perche-si-perde-il-diritto-di-proprieta).

      Cosa fare per diventare proprietario del terreno abbandonato? Bisogna Iniziare a “possederlo come se fosse il proprietario stesso”, ossia deve realizzare una serie di comportamenti che solo il titolare potrebbe compiere. Ad esempio basterebbe un recinto con chiusura a chiave del cancello, oppure uno sbancamento con opere di bonifica; ed ancora si può provvedere alla modifica dei luoghi e alla variazione della destinazione d’uso del terreno, asfaltando il suolo o costruendovi di sopra. Non è sufficiente la semplice coltivazione del campo. Questa situazione di «possesso» del terreno abbandonato deve protrarsi indisturbatamente per 20 anni, durante i quali l’interessato non deve ricevere atti giudiziari da parte dei proprietari, volti a recuperare l’immobile in questione.
      Leggi i seguenti articoli:
      -Come diventare proprietari di un terreno abbandonato https://www.laleggepertutti.it/168852_come-diventare-proprietari-di-un-terreno-abbandonato
      -Terreno abbandonato: posso diventare proprietario? https://www.laleggepertutti.it/228069_terreno-abbandonato-posso-diventare-proprietario

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube