Diritto e Fisco | Articoli

I permessi della legge 104

31 Dicembre 2016 | Autore:
I permessi della legge 104

Quanti familiari possono godere dei permessi? I genitori del disabile. Cosa accade se ci sono più disabili nella famiglia.

 

La famosa legge 104 [1] concede, al lavoratore dipendente, i permessi retribuiti nonché il congedo straordinario per assistere, ad esempio, un fratello o un genitore disabile.

 

 

Quanti familiari possono fruire dei permessi?

La legge ha specificato e puntualizzato che il beneficiario, delle agevolazioni è unico. Secondo, infatti, le disposizioni in vigore [2], i permessi e il congedo possono essere riconosciuti a favore di una sola persona, lavoratore dipendente, per l’assistenza del familiare bisognoso.

La legge, pertanto, per ogni disabile, identifica un unico soggetto assistente. Questi, come chiarisce la giurisprudenza [3], è chi accetta «il ruolo e la connessa responsabilità di porsi quale punto di riferimento della gestione generale dell’intervento, assicurandone il coordinamento e curando la costante verifica della rispondenza ai bisogni dell’assistito».

Tale interpretazione della legge è stata più volte confermata dalle circolari Inps in materia. L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha chiarito che, per quanto riguarda il cosiddetto “referente unico”, cioè colui che usufruisce dei permessi, è purtroppo inammissibile, ogni alternanza, tra più familiari, nell’usufruire dei benefici della Legge 104. È stato altresì chiarito che è altrettanto impossibile che un familiare disponga dei permessi retribuiti e un altro dei congedi straordinari. Tale eventualità è da escludersi, anche se dovesse avvenire in mesi diversi. Sostanzialmente, non possono essere riconosciuti  i permessi a un lavoratore, se un altro familiare già dispone del congedo e viceversa [4].

Le predette conclusioni sono state confermate anche dal Dipartimento della Funzione Pubblica con apposita circolare [5].

 

 

I genitori possono entrambi avere i permessi?

Questa è l’unica eccezione alla regola sopra descritta riconosciuta dalla legge, prevista, appunto, a favore dei genitori, anche adottivi, del disabile. Essi, infatti, possono entrambi usufruire delle agevolazioni previste in materia, alternandosi mensilmente, ma sempre con il limite dei tre giorni e senza accavallamenti di sorta (ad esempio, due la madre e uno il padre o come meglio si ritiene opportuno, ma non oltre tre. Se si usufruisce del permesso, non si può godere nel frattempo del congedo e viceversa, non sono cioè ammesse delle sovrapposizioni).

In tal caso, quindi, il referente è duplice, ma ciò è previsto in considerazione del particolare ruolo rivestito dai genitori della persona bisognosa, rispetto agli altri familiari potenziali beneficiari.

 

 

Due familiari disabili: più permessi?

Sarebbe possibile assistere più persone disabili, se esse rientrassero nella categoria dei propri familiari, così come catalogata dalla legge (genitori, coniuge, parenti e affini entro il 2° grado o sino al 3° nel caso di genitori del disabile ultrasessantacinquenni, invalidi, deceduti o mancanti).

In teoria, si potrebbe usufruire dei benefici previsti cumulativamente per ogni familiare invalido. Si tratterebbe di permessi definiti disgiunti, concessi in casi particolari e dietro dichiarazione di responsabilità del lavoratore beneficiario. Tuttavia, a dimostrazione della severità con la quale la materia descritta è disciplinata e interpretata, il Dipartimento della Funzione Pubblica ha espresso i suoi dubbi sull’ipotesi predetta, in considerazione delle inevitabili ripercussioni sull’attività lavorativa del familiare assistente [6].


note

[1] Art. 33 Legge 104/92 ed Art. 42 D.lgs 151/2001.

[2] D.lgs 119/2011.

[3] Consiglio di Stato. Parere n. 5078/2012.

[4] Circolare Inps n. 32/2012.

[5] Circolare D.F.P. n. 1/2012.

[6] Circolare D.F.P. n. 13/2010.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube