Business | Articoli

60mila accertamenti sulle locazioni, come fare se sono errati

25 Ottobre 2016
60mila accertamenti sulle locazioni, come fare se sono errati

Accertamenti sugli affitti, il Fisco invia lettere ai contribuenti. E se sono errate? Ecco come fare per rispondere alle richieste dell’Agenzia e controllare le eventuali sanzioni.

Ancora avvisi dall’Agenzia, 60mila avvisi bonari volti a permettere il ravvedimento sui redditi da locazione.

Il tema della compliance fiscale è ormai alla base del lavoro dell’Agenzia che pur mandando un volume di avvisi di accertamento ormai spropositato ogni mese, di fatto è riuscita a ridurre gli interventi “punitivi” offrendo al contribuente la chance di redimersi rispetto ad eventuali errori o inesattezze, volute o meno, relative alla propria posizione fiscale.

Vi descriviamo come si presentano gli avvisi bonari relativi all’affitto di fabbricati, i codici per riconoscere la raccomandata, per poi darvi qualche suggerimento su come fare nel caso in cui gli avvisi riportino un errore.

Avvisi bonari redditi da locazione: come si presentano

Le 60mila lettere in arrivo dall’Agenzia delle Entrate riguardano i redditi del 2012 (dunque presentati nella dichiarazione del 2013) relativi ai redditi derivanti dalla locazione di immobili.

I redditi considerati sono anche quelli per i quali è stato scelto il regime della cedolare secca.

Secondo l’Agenzia sulla base di uno screening si sarebbe rilevata una discordanza tra il reddito dichiarato e il reddito effettivo derivante dagli immobili oggetto di controllo.

Come arriva la comunicazione dell’Agenzia delle entrate?

La comunicazione dell’agenzia delle entrate arriva tramite PEC solo alle aziende (che hanno un indirizzo PEC registrato presso la Camera di Commercio), per i privati la lettera di controllo arriverà invece per posta.

Per conoscere i codici attraverso i quali riconoscere se la raccomandata è dell’Agenzia delle Entrate, ti consigliamo il nostro approfondimento Codici raccomandata aggiornati: cosa sono il codice 615, 613, 76, 78?

Gli avvisi tuttavia avranno solo un riferimento generico alla necessità di rivalutazione dei redditi, di fatto le anomalie riscontrate saranno disponibili nel proprio cassetto fiscale alla sezione “L’agenzia scrive”, sezione dedicata appunto alle comunicazioni volte a favorire la compliance.

Avvisi redditi da locazione: come fare se si rileva un errore?

Qualora si abbiamo a disposizione elementi che dimostrano che i redditi individuati dall’Agenzia delle Entrate sarebbero inesatti, il primo passo da fare è mettersi subito in contatto con i numeri 848.800.444, da telefono fisso, e 06.96668907, da cellulare. Gli orari per entrambi sono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.

Nel processo di selezione dell’operatore con cui parlare, sarà necessario selezionare l’opzione “servizi con operatore comunicazione accertamento”.

Il nostro consiglio è inoltre di notificare l’errore con lo stesso mezzo con il quale la comunicazione è stata inviata. Se si riceve ad esempio l’avviso via PEC, sarà opportuno notificare via posta certificata all’Agenzia quali siano le ragioni per le quali si ritiene che l’avviso bonario non sia corretto, producendo la documentazione di merito che lo dimostra.

Si potrà così conservare copia della comunicazione inviata e rispondere ad un eventuale accertamento qualora dovesse ripresentarsi la necessità di dimostrare la propria buona fede.

Se vi voleste fermare alla comunicazione telefonica, e il caso venisse (a detta dell’operatore) chiuso, perché riuscite a dimostrare di avere ragione, allora vi consigliamo di tenere traccia del numero operatore che vi ha risposto e del giorno e dell’ora in cui avete effettuato la chiamata. La burocrazia gioca spesso brutti scherzi e sono dati che potrebbero servirvi in un secondo momento.

Come calcolare il ravvedimento

Se l’Agenzia invece ha ragione, potrete riparare all’errore attraverso una dichiarazione integrativa contenente il ravvedimento operoso.

Per avere tutti i dettagli su come viene calcolato il ravvedimento con la nuova normativa, vi consigliamo il nostro approfondimento Calcolo ravvedimento operoso: software gratuito delle Entrate.

In generale si tenga presente che se il reddito di locazione è stato imputato al normale reddito di persona fisica (Irpef), la sanzione dovuta con il ravvedimento è il 15%, cioè un sesto del minimo (fissato al 90%). Qualora invece si fosse optato per la cedolare secca (riservata solo agli immobili ad uso abitativo leggi Cedolare secca: cos’è e quando conviene) allora la sanzione da ravvedimento è il30% della maggiore imposta dovuta (1/6 della penalità minima), mentre per la mancata dichiarazione la maggiorazione dell’imposta dovuta raggiungerà il 40%.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube