Diritto e Fisco | Articoli

Come far annullare il fermo sull’auto usata per lavoro

15 Dicembre 2016 | Autore:
Come far annullare il fermo sull’auto usata per lavoro

Fermo amministrativo sull’auto usata dall’avvocato per lavoro: è illegittimo.

Basta provare l’inserimento dell’auto tra i beni ammortizzabili del professionista o dell’azienda per ottenere l’annullamento del fermo amministrativo iscritto da Equitalia.

È quanto si evince da una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli [1] che ha annullato il fermo iscritto sull’auto di un avvocato.

La legge [2] vieta l’iscrizione del fermo amministrativo sull’auto di proprietà del contribuente se questa è strumentale all’esercizio dell’attività d’impresa o della professione.

Come dimostrare che l’auto serve per lavorare

La strumentalità deve essere provata dal contribuente attraverso prove documentali che dimostrino il legame tra il bene e l’azienda/professione, quindi: copia della fattura di acquisto del mezzo, libro contabileregistro dei beni ammortizzabili (o registro degli acquisti) ove sia riscontrabile la presenza del veicolo quale ammortizzabile (o già ammortizzato).

Il contribuente che voglia ottenere l’annullamento del fermo imposto sul bene strumentale deve agire entro 30 giorni dalla comunicazione del preavviso di fermo, ossia prima che il blocco venga eseguito.

In particolare, egli deve presentare un’istanza di annullamento indicante le effettive esigenze operative del mezzo, corredata dalle prove documentali che attestino la strumentalità di quest’ultimo.

Se Equitalia non accoglie la richiesta di accoglimento, è opportuno fare ricorso al giudice competente.

Nel caso di specie, l’avvocato aveva impugnato il provvedimento di fermo sulla propria auto ottenendone l’annullamento. Ciò grazie alla prova della strumentalità del veicolo all’esercizio della professione, offerta tramite l’allegazione del registro dei beni ammortizzabili.


note

[1] CTP Napoli, sent. n. 20789 del 6.12.2016.

[2] Art. 86, DPR n. 602/1973, come modificato dal D.l. n. 69/2013, art. 52 co. 1, lett. m-bis, convertito con modifiche dalla L. n. 98/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube