Diritto e Fisco | Articoli

Quote condominiali dovute solo dall’usufruttuario e non dal proprietario

22 agosto 2012


Quote condominiali dovute solo dall’usufruttuario e non dal proprietario

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 agosto 2012



L’usufruttuario, e non il nudo proprietario dell’immobile, è tenuto al pagamento delle quote condominiali; in caso di morosità il condominio dovrà agire nei suoi confronti.

In caso di usufrutto su un immobile, a pagare gli oneri condominiali è tenuto solo l’usufruttuario e mai il nudo proprietario, anche se tra loro vi siano accordi differenti. Tali eventuali accordi, infatti, secondo la Cassazione [1] sono nulli, poiché non possono derogare alla disciplina prevista dalla legge [2].

Pertanto, se l’usufruttuario è moroso nei confronti del condominio, l’amministratore non può agire nei confronti del proprietario dell’abitazione (eventualmente pignorando l’immobile).

I giudici della Suprema Corte hanno infatti precisato che il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale, al pagamento delle spese condominiali, né può essere stabilita dall’assemblea una diversa modalità di imputazione degli oneri stessi in deroga alla legge.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 26831 del 14.12.2011. Cfr. anche Cass. sent. n. 21774 del 28 agosto 2008.

[2] Artt. 1004 e 1005 cod. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI