Diritto e Fisco | Articoli

È previsto un risarcimento Inps per chi chiude l’attività?

6 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 gennaio 2017



Domanda d’indennizzo per cessata attività: chi ha diritto al sussidio, quanto dura, a quanto ammonta.

 

Hai chiuso da poco l’attività e sei senza lavoro? Forse non sai che anche i commercianti e gli agenti di commercio, se possiedono determinati requisiti, hanno diritto a una sorta di disoccupazione da parte dell’Inps, chiamata indennizzo per chiusura attività. Lo ha confermato l’Inps, con un noto messaggio [1], con cui ha chiarito che è possibile presentare, sino al 31 dicembre 2017, una domanda d’indennizzo per coloro che hanno cessato l’attività.

Ma procediamo per ordine e vediamo come funziona la disoccupazione per i commercianti, chi ne ha diritto, a quanto ammonta e come viene pagata.

Indennizzo per chiusura attività: come funziona

L’indennizzo per cessazione attività è un sussidio mensile, equiparabile ad una sorta di disoccupazione, d’importo pari al trattamento minimo di pensione nella gestione artigiani e commercianti, ossia, per l’anno 2016, pari a 501,89 euro al mese: la funzione dell’indennizzo è quella di accompagnare il lavoratore che ha cessato l’attività sino alla pensione. Al raggiungimento dell’età pensionabile, l’indennità è convertita in pensione diretta.

Indennizzo per chiusura attività: requisiti

Per ottenere l’indennità è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • essere stati titolari, esercenti o coadiutori di un’ attività di commercio al minuto, o di somministrazione di alimenti e bevande;
  • essere stati titolari o coadiutori di un’attività commerciale su aree pubbliche;
  • essere stati agenti od i rappresentanti di commercio.
  • aver chiuso l’attività nel periodo che va dal primo gennaio 2009 al 31 dicembre 2016;
  • risultare iscritti da almeno 5 anni presso la Gestione speciale Inps Commercianti, al 31 dicembre 2016;
  • avere almeno 57 anni di età al 31 dicembre 2016, se donne;
  • possedere almeno 62 anni di età al 31 dicembre 2016, se uomini.

Per provare la chiusura dell’attività ed avere diritto all’erogazione, occorre:

  • l’eventuale riconsegna al Comune, dove ha sede la ditta, dell’autorizzazione per l’esercizio dell’attività commerciale al minuto o di somministrazione di alimenti e bevande;
  • la cancellazione dell’attività dal registro delle imprese presso la Camera di commercio (tramite Comunica);
  • per gli agenti ed i rappresentanti di commercio, la cancellazione dal ruolo provinciale tenuto presso la Camera di commercio.

Indennizzo per chiusura attività: durata

L’indennizzo spetta dal momento della domanda sino al raggiungimento dell’età utile alla pensione di vecchiaia, ossia:

  • 66 anni e 1 mese d’età, entro il 31 dicembre 2017, per le donne;
  • 66 anni e 7 mesi d’età per gli uomini;
  • dal 2018 in poi, il requisito di età per la pensione di vecchiaia è parificato ed è pari a 66 anni e 7 mesi per tutti;
  • dal 2019 il requisito dovrebbe essere incrementato, per tutti, a 66 anni e 11 mesi; tuttavia, se l’Istat riscontrerà un decremento dell’aspettativa di vita anche per l’anno 2016, il requisito resterà fermo a 66 anni e 7 mesi.

Indennizzo per chiusura attività: domanda

Per richiedere l’indennizzo è necessario compilare il modello Ap95 e predisporre gli allegati richiesti nel modulo, che si trova all’interno del sito web dell’Inps. La domanda può essere presentata sia tramite i servizi web dell’Inps, per chi possiede il pin o l’identità unica digitale spid, che attraverso un patronato o un intermediario abilitato.

Si ha diritto all’indennità a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui la richiesta è stata presentata, sino alla data di compimento dell’età pensionabile, come appena esposto.

Durante il periodo d’indennizzo sono accreditati i contributi figurativi per il raggiungimento del diritto alla pensione, mentre questi contributi non sono utili alla misura della pensione, cioè non aumentano l’assegno.

Indennizzo per chiusura attività: compatibilità

L’indennizzo è incompatibile con qualsiasi attività lavorativa, sia autonoma che dipendente: se l’interessato inizia una nuova attività, deve comunicarlo all’Inps entro 30 giorni.

L’indennizzo è invece compatibile:

  • con la pensione di anzianità;
  • con la pensione anticipata [2];
  • con la pensione d’inabilità e l’assegno ordinario d’invalidità [3];
  • con l’assegno sociale (ma, di fatto, comporta la revoca dell’assegno sociale, perché l’indennizzo supera, nella maggior parte dei casi, la soglia di reddito massima per fruire dell’assegno).

Se l’interessato matura il diritto alla pensione anticipata durante il godimento dell’indennizzo, grazie ai contributi figurativi accreditati, può accedere alla pensione anticipata e continuare ad usufruire dell’indennizzo fino al mese di compimento dell’età pensionabile.

Indennizzo per chiusura attività: tassazione

L’indennizzo non è esentasse ma è assoggettato a tassazione, cioè interamente imponibile Irpef. L’indennità non dà diritto all’erogazione di assegni familiari; su di essa non possono essere effettuate trattenute sindacali.

note

[1] Inps Mess. N. 4832/2014.

[2] Inps Mess. n. 7384/2014.

[3] Inps Circ. n. 20/2002.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

18 Commenti

  1. Buongiorno ho 62 anni e più di 30 anni di contributi , non potendo più occuparmi del mio lavoro ho ceduto la mia attività un anno fa e mi sono cancellato dall’ INPS, ho diritto lo stesso al risarcimento INPS fino al raggiungimento della pensione?

    1. buongiorno, devo compiere 62 anni il 29 dicembre 2017
      ho chiuso la mia attivita’ il 31 dicembre 2016,
      potrei sapere gentilmente se avrei la possibilita’
      di avere l’indennita’ sopra citata?
      grazie mille.

  2. buongiorno devo compiere 62 anni il 29 dicembre 2017,ho chiuso la mia attivita’ il 31 dicembre 2016,
    potrei sapere gentilmente se avrei il diritto dell’indennita sopra citata? grazie mille

  3. devo compiere 57 anni ho avuto una piccola azienda per 8 anni da 3 anni ho dovuto chiudere per la crisi. ho diritto a una indennita’ per 3 anni . grazie mille .

  4. Buongiorno,vorrei la conferma della data di presentazione per la domana.Lei riferisce della data al 31/12/2017,ma io so che la scadenza era al 31/01/2017!è stata prorogata oppure Lei si è sbagliata nel pubblicare la data?Mi sembra di importanza capitale questa data per chi non ha saputo della indennità prima della fine 2016.
    Grazie per una risposta al quesito.

    1. e’ quello che vorrei sapere anch’io . La data è fondamentale,perche’ ,per me e per molti altri che non hanno saputo nulla di questa opportunita’, è una speranza.Ora il termine era il 31/12/2017 oppure E’ IL 31/12/2017 ?–

    2. Ciao, anche io ho il tuo stesso problema, vorrei sapere se a te hanno confermato la possibilità di presentare domanda entro il 31/12/2017 o se è un errore.

  5. per chi come me non rientra nell età per far domanda ed a comunque chiuso un attività, avendo 48 anni non ha diritto a nulla e comunque versato per circa 30 anni i contributi? grazie!

  6. MARIO ho 62 anni vorrei chiudere l’attività a dicembre 2017. ho diritto all’indennizzo?

  7. Potreste confermare che la domanda si può fare entro il 31/12/2017 oppure è un errore. Vi ringrazio.

  8. purtroppo, ancora non ho saputo nulla sulla data precisa.Ho paura che sia un errore di questo sito. Ho cercato su altri siti (specie quello ufficiale dell’inps),e tutti riportavano come ultima data quella del 31/12/2016.Comunque è un’ingiustizia, perchè di questo opportunita’ non è stato detto nulla(ne pubblicizzato) a persone normali come noi, hanno approfittato solo chi aveva conoscenze.COME AL SOLITO.Solo pochi fortunati, hanno saputo per caso,prima della scadenza.

  9. In un altro sito c’era scritta la stessa cosa, ho chiamato e mi hanno detto che era un errore. Possibile che anche questo sia uno sbaglio? Credo che l’unica cosa da fare sia andare a chiedere informazioni a un patronato

  10. Io ho 54 anni ho avuto l’attività per due anni posso fare domanda per la disoccupazione dovrei chiuderla in questi mesi.Grazie Antonio

  11. Ho 54 anni ho la ditta da 2 anni e dovrei chiuderla in questi mesi,posso fare la domanda per la disoccupazione.

    1. al momento ancora non è stato prorogato l indennizzo.. però dal momento in cui questo provvedimento viene finanziato dalla gestione commercianti fino a fine 2018 , dovrebbe rientrare !lo spero

  12. Salve nei requisiti si parla di 57 anni per le donne e 62 per gli uomini . E tutti gli altri che devono fare ? Si devono suicidare ? Io ho 47 anni e sono stata costretta a chiudere la partita iva a dicembre 2016,
    per l’età purtroppo nessuno ti assume più . Secondo lo Stato io che dovrei fare ? Sono stata costretta a tornare a vivere con i miei che perlomeno mi assicurano un tetto sulla testa e un piatto a tavola . Grazie Stato italiano

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI