Diritto e Fisco | Articoli

Le opposizioni agli atti esecutivi vanno proposte in termini molto brevi per essere efficaci

10 Agosto 2012
Le opposizioni agli atti esecutivi vanno proposte in termini molto brevi per essere efficaci

Il processo esecutivo immobiliare consente al debitore di pignorare e poi vendere un bene immobile del debitore, per soddisfare il suo credito sul ricavato.

Il creditore può, quindi, sottoporre a pignoramento innanzi tutto la casa di proprietà del proprio debitore, ma anche un terreno, un corso d’acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni di proprietà, anche se unite al suolo a scopo transitorio.

Durante tale processo – quello mediante il quale il creditore fa eseguire forzatamente un ordine dato nei confronti del debitore (per esempio, di pagamento) – il debitore può proporre diverse opposizioni contro gli atti che ritiene contrari alla legge e che lo pregiudichino, potendo finanche farli eliminare dal giudice (per es., l’ordinanza di autorizzazione alla vendita del bene pignorato, il provvedimento di aggiudicazione a seguito di asta, ecc.).

In realtà, il processo esecutivo immobiliare impone al creditore anticipazioni di danaro notevolissime, che solo l’utile esito del procedimento consente di recuperare (costi di giustizia, necessaria pubblicità sui giornali della vendita all’asta, costo della consulenza tecnica estimativa, parcella dell’avvocato, ecc.).

In tale ottica è ovvio che il sistema non consenta al debitore di proporre le sue opposizioni in qualunque momento: è necessario, dunque, non far scadere i tempi strettissimi necessari previsti dalla legge ed esaminare – con l’aiuto di un esperto – tutto il processo, analizzando ogni atto alla luce delle vigenti disposizioni di procedura.

Solo i vizi del pignoramento (quelli cioè che non riguardano semplici vizi relativi alla “forma” degli atti) si possono far valere in qualsiasi momento, senza limiti di tempo.

di GIUSEPPE CALOMINO



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube