Diritto e Fisco | Articoli

Entro quanto tempo deve essere emesso il ruolo per le multe?

17 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 gennaio 2017



Multe: conoscere con precisione scadenze e termini è necessario per capire se sono valide o meno. È importante sapere anche quando vengono iscritte a ruolo. Vediamo perché.

Multe, incubo di ogni automobilista. Eppure non sempre sono valide ma solo se rispettano un procedimento con scadenze e termini prestabiliti dalla legge. Conoscerli è importante non solo per chi voglia fare ricorso ma anche e soprattutto perché, una volta iscritte a ruolo, la riscossione è di competenza dell’Agenzia delle Entrate e l’importo da pagare sarà, quindi, più elevato. Spieghiamoci meglio.

Multe: entro quando vanno notificate al conducente?

Nell’ipotesi in cui il conducente multato non sia fermato al momento dell’infrazione – e quindi, quando la multa non gli venga immediatamente contestata – la contravvenzione deve essere notificata al proprietario dell’automobile entro 90 giorni dall’infrazione stessa. Se questo termine non viene rispettato, la multa è nulla e ci si potrà rivolgere sia al giudice di pace che al prefetto ai fini della sua contestazione. Ciò non toglie che l’amministrazione possa dire di aver impiegato più tempo per effettuare ulteriori accertamenti al fine di individuare il proprietario del mezzo. Giustificazione valida solo in presenza di situazioni obiettivamente difficili ma non, ad esempio, nel caso di contravvenzioni elevate con mezzi di rilevamento elettronici come l’autovelox, il tutor, ecc…

Sempre a proposito di questo aspetto, la velina con la multa lasciata sul parabrezza non si considera notificata: ciò significa che non solo non è ricorribile ma, per poterla impugnare, è necessario che al proprietario del mezzo sia spedita a casa la multa vera e propria.

Multa non pagata: entro quando va iscritta a ruolo?

Una volta ricevuta, il proprietario del mezzo ha 60 giorni di tempo per scegliere:

Una volta scaduto questo termine, l’importo viene iscritto a ruolo: in parole semplici, ciò vuol dire che competente per la riscossione sarà l’Agenzia delle Entrate. Non solo: l’importo iscritto a ruolo sarà più elevato rispetto alla multa notificata al conducente, pari alla metà del massimo della sanzione irrogata.

La consegna del ruolo da parte del Comune all’Agente della Riscossione comporta anche che, da quel momento, quest’ultimo ha due anni di tempo per notificare la cartella di pagamento, decorsi i quali la cartella notificata è nulla. Si tratta di un termine di decadenza che nulla ha a che vedere con la prescrizione del diritto alla riscossione.

Multa: come verificare la data di iscrizione a ruolo?

Per verificare la data di iscrizione a ruolo della contravvenzione bisogna controllare la sezione della cartella che riporta, nel dettaglio, tutte le informazioni sull’importo richiesto. Se ci dovessimo accorgere che la data di iscrizione a ruolo manca, la cartella sarebbe, ancora una volta, nulla, per impedimento all’esercizio del diritto di difesa. Facciamo un esempio: Tizio prende una multa il 1° gennaio 2016 e gli viene notificata il 1° marzo 2016; il verbale è valido in quanto è stato rispettato il termine di 90 giorni; se, però, la cartella esattoriale viene spedita all’interessato nel 2020, dopo 2 anni dall’iscrizione a ruolo, essa è nulla.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Sono 60 e non 30 i giorni in cui è possibile effettuare il pagamento in misura ridotta della sanzione.

  2. L’esempio proposto non mi risulta chiaro.
    Tizio prende una multa il 1° gennaio 2016 e gli viene notificata il 1° marzo 2016; il verbale è valido in quanto è stato rispettato il termine di 90 giorni; e fin qua va bene. L’art. 28 della L. “689” del 1981 stabilisce per le “multe” stradali la prescrizione quinquiennale salvo le interruzioni previste dal c.c.; da dove ha ricavato i termini “se, però, la cartella esattoriale viene spedita all’interessato nel 2020, dopo 2 anni dall’iscrizione a ruolo, essa è nulla” l’autrice dell’articolo?

  3. Salve,
    entro quanto tempo il verbale (se non pagato) deve essere iscritto a ruolo?
    Mi è chiaro che la certella di pagamento deve essere notificata entro due anni da quando viene iscritta a ruolo.
    Grazie.

  4. ho delle cartelle esattoriali riguardanti bolli non pagati tra il 2002 e il 2005 iscritte al ruolo e notificate 7 anni dopo.Sono valide?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI