Diritto e Fisco | Articoli

Come rinnovare la patente?

20 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 gennaio 2017



Rinnovare la patente di guida significa seguire delle procedure ben precise. Vediamo quali sono e quanto costa in questa breve guida pratica. 

La normativa sulle modalità di rinnovo della patente di guida è in continua evoluzione. Cerchiamo di esaminarne i punti salienti.

Patente di guida: ogni quanto va rinnovata?

Il rinnovo della patente di guida varia in relazione a due requisiti principali:

  1. l’età della persona,
  2. la tipologia di patente che si possiede.

Nel dettaglio:

  • Patente A (richiesta per le moto): rinnovo ogni 10 anni fino ai 50 anni di età, ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni, ogni 3 anni dopo i 70 anni;
  • Patente B (richiesta per le autovetture): rinnovo ogni 10 anni fino ai 50 anni di età, ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni, ogni 3 anni dopo i 70 anni;
  • Patente C (necessaria per la guida dei camion): rinnovo ogni 5 anni fino ai 65 anni di età, ogni 2 anni dopo i 65 anni;
  • Patente D (necessaria per la guida degli autobus con più di nove posti): rinnovo ogni 5 anni fino ai 60 anni di età, ogni anno dopo i 60 anni;
  • la Patente di categoria E è un’estensione delle patenti B, C e D, permette il traino di rimorchi e semirimorchi non leggeri (cioè di massa massima autorizzata superiore a 750 kg) ai veicoli per i quali si è ottenuta l’abilitazione di guida. Ha, quindi, la stessa validità della patente a cui è associata (BE, CE, ecc…).

Se la patente di guida è scaduta da oltre 3 anni non è più possibile rinnovarla: occorre rifare nuovamente l’esame di teoria e quello pratico.

Dal 19 gennaio 2013, vale la regola del compleanno, secondo la quale la data di scadenza delle patenti A e B coincide con il giorno del proprio compleanno [1]: in pratica, se – ad esempio – la mia patente scade il 20 aprile 2016 e il mio compleanno cade il 4 giugno, quando il 20 aprile 2016 andrò rinnovare la patente in scadenza, questa mi sarà rinnovata fino al 4 giugno 2026 e non fino al 20 aprile 2026.

Patente di guida: cosa accade dopo gli 80 anni?

Superati gli 80 anni, la patente va rinnovata ogni due anni, senza necessità, come accadeva in passato, della visita obbligatoria presso una commissione medica locale.

Patente di guida: come si rinnova?

Per il rinnovo della patente di guida occorre, per prima cosa, effettuare due versamenti presso un ufficio postale:

  • uno di 10,20 euro sul C/C 9001 intestato al Dipartimento dei Trasporti Terrestri e
  • uno di 16,00 euro a titolo di imposta di bollo sul C7C 4028 (in entrambi i casi si trovano i bollettini in posta).

La visita medica, invece, si paga direttamente presso la struttura sanitaria e viene effettuata sulla base della seguente documentazione:

  • patente di guida,
  • carta d’identità o passaporto,
  • tessera sanitaria,
  • due foto formato tessera uguali,
  • ricevuta dei due bollettini di cui si è detto (10,20 e 16,00 euro),
  • autocertificazione per eventuali patologie,
  • occhiali da vista nel caso in cui il soggetto ne faccia abitualmente uso.

Il codice della strada [1] riporta i requisiti minimi visivi per il rilascio e  il rinnovo della patente. Per la patente A e B viene richiesta un’acutezza visiva di 10/10, raggiungibile anche con occhiali/lenti a contatto e l’occhio che vede di meno non deve scendere sotto i 2/10. Tra i due occhi la differenza non deve essere superiore alle tre diottrie.

Se l’esito della visita è positivo, nel senso che si conferma l’idoneità psico-fisica del soggetto alla guida, viene rilasciato un documento provvisorio valido 60 giorni che ne attesta il rinnovo e la nuova data di scadenza finché non arriverà la nuova patente formato tessera per posta. Attenzione: esso è riconosciuto solo in Italia, quindi non si può assolutamente guidare all’estero finché non si entra in possesso della nuova patente.

Patente di guida: via i vecchi tagliandi adesivi

A seguito del rinnovo, la vecchia tessera viene sostituita con una nuova, che somiglia molto a una vecchia scheda telefonica. I tagliandi adesivi da appiccicare a ogni rinnovo della patente di guida sono stati aboliti in quanto piccoli, poco leggibili e facilmente deteriorabili.

La nuova tessera viene spedita per posta a un costo di 6,86 euro da aggiungere agli altri costi per il rinnovo della patente di guida.

Patente di guida: quanto costa rinnovarla?

Per rinnovare la patente, è possibile scegliere tra diverse procedure: in base alla nostra scelta varieranno anche i costi.

La soluzione più comoda e veloce è quella di rivolgersi a una scuola guida oppure a un’agenzia di pratiche auto che fissa la visita medica. Si comprende che, scegliendo questa strada, si va incontro a una spesa superiore, perché oltre ai costi per la visita medica si aggiungono quelli per il servizio offerto dalla scuola guida o dall’agenzia (orientativamente, la spesa totale oscilla tra i 100 e i 130 euro) ma, in compenso, si evitano code agli sportelli postali per pagare i bollettini.

Per chi vuole risparmiare, si può prenotare la visita medica rivolgendosi all’Asl. La spesa totale sarà sicuramente più bassa (tra i 60 e i 90 euro): si spendono 26,20 euro per i due versamenti, ai quali si aggiungono 6,80 euro per la spedizione della nuova patente e il costo della visita medica.

Si ricorda, infine, che la visita medica può essere fatta anche presso l’Unità Sanitaria Territoriale delle Ferrovie, un medico del Corpo dei Vigili del Fuoco o, ancora, presso uno studio medico autorizzato dalla motorizzazione (l’elenco è disponibile presso la motorizzazione). Anche in questi casi, il vantaggio è dato dai costi più bassi.

Patente di guida: cosa succede in caso di apnee notturne?

Le apnee notturne possono causare disturbi del sonno gravi: chi ne soffre potrebbe avere dei problemi con il rinnovo della patente di guida; tali soggetti, infatti, sono considerati pericolosi per la sicurezza stradale. Un dato su tutti è, da questo punto di vista indicativo: si calcola che il 20% degli incidenti stradali in Italia sono causati da colpi di sonno. Proprio per questo, in base a precise direttive europee, il rinnovo delle patente in simili casi potrebbe essere vietato.

Patente di guida: che succede quando scade?

Mettersi al volante con la patente di guida scaduta può costare caro: si rischia una multa che va da 159,00 a 639,00 euro e la sanzione accessoria della sospensione della patente; non è prevista la decurtazione dei punti.

Se, poi, si resta vittime di un incidente, l’assicurazione pagherebbe i danni causati a terzi ma potrebbe esercitare il diritto di rivalsa, chiedendo all’assicurato la somma dei danni pagati.

Patente di guida: domande frequenti

Mi hanno rubato tutti i documenti, inclusa patente B. Ho fatto la denuncia. Cosa devo fare per riavere la mia patente?

In caso di furto, smarrimento o distruzione della patente di guida o della carta di circolazione, va presentata denuncia entro le 48 ore presso un ufficio di polizia il quale rilascia un’attestazione provvisoria. Per la patente di guida è necessario portare due fotografie e un documento di identità.

 

Posso rinnovare la patente in una città diversa da quella in cui risiedo?

Il rinnovo della patente è possibile su tutto il territorio nazionale.

note

[1] Art. 119 cod. str.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI