Diritto e Fisco | Articoli

Pensione a 64 anni artigiani e commercianti, attenti ai requisiti

19 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 gennaio 2017



Pensione con salvacondotto per i nati nel 51 e nel 52: quali requisiti per chi possiede contributi nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi?

 

Sono nato nel 1952, al 31/12/2012 ho maturato 35 anni di contributi dei quali 15 anni come commerciante e i restanti come dipendente settore privato: l’Inps mi ha bocciato la domanda di pensione anticipata a 64 anni, ma al 28/12/2011 ero dipendente settore privato, come mai non ho diritto alla pensione?

Effettivamente l’interpretazione della legge Fornero [1], nella parte in cui consente di pensionarsi a 64 anni, col cosiddetto Salvacondotto per i nati sino al 31 dicembre 1952, ha dato, in questi anni, luogo a molteplici dubbi e discussioni. Ricordiamo che l’articolo in questione dà la possibilità di pensionarsi a 64 anni (più 7 mesi, nel 2016, dovuti agli incrementi della speranza di vita):

  • con un minimo di 35 anni di contributi e 60 anni di età, se i requisiti sono maturati entro il 31 dicembre 2012, per gli uomini;
  • con un minimo di 20 anni di contributi e 60 anni di età, se i requisiti sono maturati entro il 31 dicembre 2012, per le donne.

Per beneficiare di questo requisito, si deve risultare occupati coma lavoratori dipendenti del settore privato alla data del 28 dicembre 2011.

Pensione a 64 anni per i non occupati come dipendenti

In merito a quest’ultimo punto, è intervenuta una recentissima circolare Inps [2], che ha chiarito che può accedere al requisito anche chi, alla stessa data, non risulta occupato come lavoratore dipendente del settore privato; quest’ ultimo, però, deve possedere:

  • 35 anni di contributi effettivi come lavoratore dipendente del settore privato e aver raggiunto la quota 96 (con almeno 61 anni di età e 35 di contributi, o 60 anni e 36 di contributi) entro il 31 dicembre 2012, se uomo;
  • 20 anni di contributi effettivi come lavoratrice dipendente del settore privato entro il 31 dicembre 2012, se donna.

Sono esclusi dal computo dei contributi i contributi volontari, i contributi figurativi non correlati all’attività di lavoro dipendente e i contributi da riscatto ugualmente non correlati all’attività lavorativa.

Pensione a 64 anni per i lavoratori autonomi

Un’ulteriore particolarità è poi prevista per chi possiede dei contributi da lavoro autonomo (commercianti, artigiani e coltivatori diretti), assieme a quelli da lavoro dipendente, anche se risulta occupato come lavoratore dipendente del settore privato al 28 dicembre 2011.

Questi lavoratori, difatti possono comunque cumulare, ai sensi della normativa sul cumulo dei contributi [3], i contributi presenti nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (se non sono già stati ricongiunti nel fondo pensioni lavoratori dipendenti) con i contributi versati presso l’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti. In tal caso, tuttavia, il lavoratore deve perfezionare i requisiti vigenti nella gestione autonoma nella quale si consegue il diritto a pensione: gli uomini, in particolare, devono aver raggiunto la quota 97, con un minimo di 61 anni di età, entro il 31.12.2012; per le donne restano confermati i requisiti di 60 anni e 20 anni di contributi entro il 31.12.2012.

Ecco spiegato, quindi, il perché della reiezione della domanda dell’Inps, nonostante il lettore fosse occupato alla data del 28 dicembre 2011 come lavoratore dipendente del settore privato. L’interessato, difatti, non raggiunge il minimo di 61 anni di età entro il 31 dicembre 2012, essendo nato nel 1952: il combinato disposto della legge Fornero in merito al Salvacondotto, assieme alla legge sul cumulo dei contributi, difatti, determina la possibilità di pensionarsi col beneficio del Salvacondotto solo per i lavoratori con contribuzione mista nati al più tardi nel 1951, dovendo questi ultimi aver compiuto almeno 61 anni nel 2012.

note

[1] Art.24, co. 15 bis, D.L. 201/2011.

[2] Inps circ. n. 196/2016.

[3] Art.20, L. 613/1966.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Sono nato 1952 -1958 sono immigrato in Australia.1972 ambiamo fato ritorno e iniziato un Commercio Ortofrutticola in 1997 sono fallito e sono ritornato in Australia.Io in Australia prende Pensione Invalita, Ho fato 2 volta la domanda Invalita e son stato Rifiutato. Per favore fami sapere quando e come.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI