Diritto e Fisco | Articoli

Per onorare Rita Atria

24 Luglio 2012
Per onorare Rita Atria

Partanna e Roma, le due città che hanno segnato la giovane vita di Rita Atria, unite da un filo invisibile di legalità e resistenza. 

L’appuntamento è per il 26 luglio p.v. quando il presidio romano dell’Associazione antimafie Rita Atria ne celebrerà il ricordo nel ventennale della morte con un momento di memoria e testimonianza, ritrovandosi proprio in viale Amelia, dove dal settimo piano di una palazzina anonima Rita spiccò il volo. “Un fiore per Rita – Vent’anni

dopo per Rita Atria. Costruire un mondo onesto, testimoniando verità e giustizia” è il nome dell’evento che vuole essere occasione di memoria attiva, da tradurre in impegno concreto. A partire dalle 19, previsti gli interventi di Stefano Pierpaoli e Dale Zaccaria, che si cimenteranno nella lettura di stralci del diario di Rita, intervalli musicali a cura della violinista Antonella Serafini e la presenza di Ulisse, testimone di giustizia e presidente onorario dell’associazione, e delle donne di viale Amelia.

A seguire, collegamento telefonico con Partanna (TP), cittadina natia di Rita Atria da dove L’Associazione Antimafie Rita Atria, presenti il presidente Santo Laganà, la fondatrice Nadia Furnari e i membri del direttivo nazionale e di altri presidi siciliani e i giovani del luogo, protagonisti del presidio di Partanna, neocostituitosi, rinnoveranno l’appuntamento che da 18 anni si ripete, ricordando a loro volta la testimone diciassettenne, attraverso la lettura delle sue memorie, a partire dalle 10.30 presso il cimitero comunale. Ed è proprio la presenza del Presidio di Partanna, voluto da un gruppo di giovani partannesi, il fatto più qualificante e significativo di questo ventennale: a Partanna, città natale di Rita, i giovani , dopo vent’anni, hanno deciso di impegnarsi nel solco tracciato da Rita e l’hanno voluto fare aderendo all’associazione antimafie che da 18 anni porta il suo nome. Ecco il regalo più bello per Rita. Saranno presenti, inoltre, a Partanna, il giornalista Pino Maniaci (Telejato), la direttrice di Casablanca, Graziella Proto e Michela Buscemi, testimone di giustizia e prima donna a testimoniare al maxiprocesso del 1987. Confermata anche la presenza di Amico Dolci, figlio di Danilo Dolci, e del fotografo Mario Spada.

“Vent’anni dopo, la verità vive” è il segnale inequivocabile che Partanna intende lanciare, attraverso una forte condivisione di intenti e di valori.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube