Diritto e Fisco | Articoli

L’assegno di mantenimento del figlio si detrae dalle tasse?

29 dicembre 2016


L’assegno di mantenimento del figlio si detrae dalle tasse?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 dicembre 2016



Corrispondo un assegno periodico a mio figlio, nato da una relazione di fatto con una donna: l’importo l’ho concordato con la mia ex compagna e lo verso con bonifico bancario. Posso scaricarlo dalle tasse?

La legge [1] stabilisce che si può dedurre dalle tasse solo l’assegno di mantenimento versato all’ex coniuge e non anche ai figli. Peraltro, la deduzione è condizionata al fatto che l’importo dell’assegno sia determinato dal giudice e non da un accordo delle parti.

Leggendo la norma in questione ci si accorge infatti che:

«Dal reddito complessivo si deducono (…): gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell’autorità giudiziaria».

Dunque, si può scontare dalle tasse solo il versamento del mantenimento corrisposto all’ex coniuge, a seguito di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio, ma sempre a condizione che l’importo sia fissato in un provvedimento del tribunale.

Al contrario, il mantenimento ai figli non si può né dedurre, né detrarre dalla dichiarazione dei redditi e va, pertanto, dichiarato al fisco.

note

[1] Art. 10, lett. c, T. U. Imposte sui redditi


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI