Business | Articoli

Gestione separata INPS: scende l’aliquota nel 2017

3 Novembre 2016 | Autore:
Gestione separata INPS: scende l’aliquota nel 2017

La legge di bilancio cambia le aliquote della gestione separata, ecco la novità per tutti i professionisti senza cassa. 

In base al disegno di legge d bilancio 2017 l’aliquota dei professionisti senza cassa non solo non si alzerà come era previsto già da qualche anno, ma scenderà di due punti percentuali, dal 27 al 25%.

Chi è soggetto a gestione separata?

Sono iscritti alla gestione separata INPS tutti i professionisti che possiedono una partita IVA individuale, ma non sono iscritti ad alcuna forma di previdenza obbligatoria e non sono pensionati. Sono soggetti a gestione separata, ma con aliquote differenti, anche i pensionati che esercitano attraverso partita IVA oltre la pensione e i collaboratori “a progetto”.

La discesa dell’aliquota per i professionisti è una buona notizia – non del tutto inattesa, stante le battaglie di questa che è ormai divenuta una categoria di lavoratori, anche se non ancora organizzata attraverso forme di rappresentanza sindacale sufficientemente rappresentative – perchè porta il livello di tassazione quasi a quello previsto per gli artigiani.

Ma non sono tutte le categorie di iscritti a beneficiare di questo vantaggio. Ecco i dettagli.

Quanto pagano gli iscritti alla gestione separata?

A questa aliquota, che è la percentuale destinata al finanziamento del trattamento pensionistico, si deve tuttavia aggiungere un ulteriore 0,72% che finanzia le tutele previdenziali, per una percentuale totale del 25,72%.

Non si scosta dal 24% dovuta dai pensionati iscritti alla gestione separata.

Contratti a progetto: aliquota più alta di sempre

Resta invece aperta – e particolarmente grave – la questione dei lavoratori a progetto, i titolari di contratto di collaborazione coordinata e continuativi e figure assimilate: per loro l’aliquota arriva all’incredibile livello del 32,72%, per effetto di un meccanismo innescato dalla riforma Fornero e mai stoppata dai governi e dai ministri succedutisi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube