Diritto e Fisco | Articoli

Le conversazioni su Skype saranno intercettate dalla polizia

28 Agosto 2012 | Autore:
Le conversazioni su Skype saranno intercettate dalla polizia

Dopo Facebook, anche le chat di Skype sono finite sotto la lente d’ingrandimento delle forze dell’ordine.

Microsoft, proprietaria di Skype, ha stipulato un accordo che consentirà alla polizia locale di accedere alle conversazioni dei propri iscritti. Le indiscrezioni, che trapelavano già da qualche mese, hanno trovato conferma negli ambienti dell’intelligence americana; il che – come c’era da aspettarsi – ha provocato le reazioni del popolo della rete, preoccupato circa le possibili lesioni della privacy.

Secondo l’Fbi, si tratterebbe di un provvedimento necessario: Skype sarebbe infatti uno degli strumenti più utilizzati dai terroristi islamici. Non solo. Mafiosi e criminali di ogni tipo hanno sempre preferito tale canale di comunicazione, essendo le conversazioni di Skype criptate. È risaputo infatti che, per evitare facili intercettazioni, è sufficiente disporre di uno dei tanti servizi VoIP che sfruttano una rete P2P, proprio come succede con Skype. Così, con un servizio di telefonia via Internet come quelli predetti non si corre alcun rischio di essere rintracciati. Oggi, peraltro, non si deve per forza disporre di un computer: basta un tablet o uno smartphone con installata la relativa applicazione. Il tutto, ovviamente, con buona pace di chi pratica traffici illeciti e vive nell’ombra della legge.

Proprio per evitare tali ripercussioni sulla pubblica sicurezza, da oggi i servizi segreti e la magistratura potranno liberamente accedere non solo alle conversazioni (chat, ma anche telefonate audio e video) degli iscritti su Skype, ma anche ai loro dati personali, alla cronologia dei messaggi, al numero di carta di credito.


 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Cioè,in questo modo,si scopre se un terrorista organizza un attentato o altro.Ma a cosa serve sapere il numero della mia carta di credito ,cronologia.Non è che si stà tentando di inculcarci che nel prossimo futuro sarà obbligatorio il microcip sottocutaneo per la sicurezza del paese? Controllo totale. Chi vuole intendere,intenda.

  2. Magari le persone potranno maggiormente concentrarsi a trovare un lavoro remunerativo, creativo e soddisfacente o a reclamare questo invece di progettare le rivoltine con le rivoltelle che son sempre rivoltose da anni a questa parte? Magari c’è un po di freno, anche se avere un nemico forte da distruggere stuzzica i sociopatici.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube