Diritto e Fisco | Articoli

Assegno d’invalidità, vale anche per artigiani e commercianti?

29 Gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 Gennaio 2017



I commercianti e gli artigiani invalidi hanno diritto solo alla pensione d’invalidità civile o anche all’assegno ordinario d’invalidità?

Sono artigiano, invalido al 76%: ho diritto all’assegno ordinario d’invalidità, oppure mi spetta solo l’invalidità civile?

 

Con un’invalidità del 76%, il lettore, iscritto alla gestione speciale artigiani dell’Inps, può avere diritto, se non ha ancora l’età pensionabile o l’età utile all’assegno sociale:

  • all’assegno ordinario di invalidità a carico della gestione commercianti, in quanto la sua capacità lavorativa è ridotta a meno di un terzo, se possiede almeno 5 anni di contributi, di cui 3 devono risultare versati nell’ultimo quinquennio;
  • alla pensione d’invalidità civile, in quanto l’invalidità riconosciuta supera il 74%: per l’assegno d’invalidità civile non è necessario un minimo di contributi, ma il reddito non può superare i 4800,38 euro annui.

Pensione d’invalidità civile: requisiti

La pensione d’invalidità civile ammonta a 279,47 euro mensili, per l’anno 2016 (gli importi 2017 devono ancora essere confermati). La prestazione, in particolare, è riconosciuta dall’Inps in presenza delle seguenti condizioni:

  • età tra i 18 e i 65 anni;
  • cittadinanza italiana, comunitaria, o di uno Stato terzo, se in possesso di permesso per soggiornanti CE di lungo periodo ;
  • possesso d’invalidità superiore al 74%;
  • reddito non superiore a 4800,38 euro, per l’anno 2016;
  • non sono richiesti requisiti contributivi minimi, come invece avviene per l’assegno ordinario d’invalidità, che non va confuso con questa prestazione.

Assegno ordinario d’invalidità: artigiani e commercianti

L’assegno ordinario d’invalidità, invece, è calcolato sulla base dei contributi versati nella gestione commercianti o artigiani (o nella differente gestione Inps alla quale si è iscritti): se l’assegno non è calcolato col contributivo puro, cioè se possiede contributi versati prima del 1996, è possibile avere l’integrazione al minimo, pari a 501,89 euro mensili, per l’anno 2017. L’integrazione comunque non spetta a chi possiede redditi superiori a due volte l’ammontare annuo dell’assegno sociale (pari a 448,07 euro mensili), o a 3 volte, considerando anche i redditi del coniuge, se coniugati e non separati legalmente.

L’assegno ordinario d’invalidità è compatibile anche con una nuova attività lavorativa: si riduce, però, del 25% se i redditi conseguiti sono superiori a 4 volte il trattamento minimo Inps e del 50% se superiori a 5 volte il minimo.

Il trattamento ordinario d’invalidità è erogato per 3 anni e successivamente deve essere confermato, sulla base di nuovi accertamenti sanitari volti a verificare il grado d’invalidità: dopo 3 conferme la prestazione diventa definitiva (ma l’Inps può comunque decidere in qualsiasi momento di sottoporre l’interessato a una nuova visita medica).

Una volta raggiunta l’età pensionabile (dal 2018 uguale per tutti e pari a 66 anni e 7 mesi), l’assegno viene automaticamente trasformato dall’Inps in pensione di vecchiaia.

Pensione d’invalidità e assegno ordinario: come si chiedono

La procedura per ottenere il riconoscimento dell’invalidità e delle relative provvidenze è la seguente:

  • visita dal proprio medico curante ed emissione e trasmissione all’Inps del certificato medico introduttivo SS3, con l’indicazione dell’invalidità e dei vari status riconosciuti (handicap, non autosufficienza, etc…);
  • invio domanda all’Inps di invalidità (tramite servizi online o patronato);
  • effettuazione dell’accertamento medico sanitario da parte della commissione medica Asl integrata a un medico dell’Inps;
  • riconoscimento dell’invalidità e delle relative provvidenze spettanti, come, appunto, l’assegno ordinario d’invalidità.

Per approfondimenti: come fare la domanda d’invalidità all’Inps.



scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

3 Commenti

  1. Se una persona è malata da anni x cui non può lavorare e di conseguenza non può versare i contributi negli ultimi 3 anni, cosa fa? Muore di fame pur essendo invalida. Ganola inventata di proposito così nessuno si becca l assegno di invaliditá. Proprio un bello stato. E poi ci si chiede xchè c è lavoro nero, ladri,o chi si impicca. CI COSTRINGETE VOI! GOVERNANTI DEL C….

  2. questi governi non sanno più cosa inventarsi per fare inquadrare i conti dello stato ce solo un argomento da affrontare il taglio del numero dei deputati, senatori, lo stipendio portarlo al massimo a 10.000,00 euro al mese senza la tredicesima o altre voci, pagarsi tutto come un cittadino pendolare che viaggia tutti i giorni in treno, pertanto abolizione di tutte le agevolazioni che anno ad esempio: portaborse, autisti, viaggi, i pasti consumati in parlamento, il vestiario, l’autista per la moglie e parenti, e chi ne a più ne metta in questo modo salveremmo qualunque debito e il bilancio dello stato funzionerebbe a perfezione

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA