Diritto e Fisco | Articoli

Prostituzione: cosa è lecito e cosa non lo è

13 Settembre 2012
Prostituzione: cosa è lecito e cosa non lo è

La prostituzione – che consiste nell’avere rapporti sessuali con altra persona in cambio di un compenso – è un’attività moralmente considerata deplorevole, ma non è vietata dalla legge.

 

Vediamo, nel dettaglio, quali condotte collegate alla prostituzione sono considerate illecite e quali invece non lo sono.

– È illecito agevolare o favorire la prostituzione o indurre alla prostituzione altre persone. Anche il solo accompagnare una prostituta sul luogo prescelto per la sua attività può costituire favoreggiamento alla prostituzione.

– Di conseguenza, compie una condotta penalmente sanzionata chi tiene case di prostituzione, poiché, così facendo, inevitabilmente finisce per favorire e indurre altre persone alla prostituzione.

È considerata “casa di prostituzione” una abitazione adibita appositamente a tale scopo, a prescindere da quanto sia grande o da quante persone vi esercitino l’attività di meretricio. Così, è illecito tenere un immobile anche per una sola donna.

– Al contrario, non è vietato, per una prostituta, ricevere i propri clienti nella propria abitazione, in quanto il domicilio ove costei vive non viene considerato come “casa di prostituzione”.

– Non è punibile penalmente la persona che eserciti la prostituzione per strada, a meno che:

1) lo faccia con abiti molto succinti o con pose oscene: in tal caso, commette un oltraggio al pubblico pudore;

2) inviti i passanti, con parole o gesti, al libertinaggio (in tal caso viene applicata una sanzione amministrativa di 92€ circa);

3) consumi i rapporti sessuali in macchina e in luoghi comunque accessibili al pubblico.

– È punibile colui che gestisce un hotel, un bar, una pensione, un centro estetico, una discoteca e sia consapevole, tollerandolo, che delle persone esercitino il meretricio all’interno della propria attività commerciale.

Una importante sintesi del tema è fornita da una sentenza del Tribunale di Padova [1]. Ivi si chiarisce che l’esercizio della prostituzione – che di per sé, come detto, non costituisce reato – integra comunque un’attività riprovata dall’ordinamento. Pertanto essa può essere il presupposto per l’irrogazione di una misura preventiva come il foglio di via, quando nel caso concreto, avvenga con modalità tali da far presumere il compimento di retati contro i minorenni o contro la sanità e la sicurezza. Dette modalità non possono essere considerate il semplice esercizio del meretricio sulla pubblica via.


note

[1] Trib. Padova, sent. 21-22 marzo 2012 n. 637.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

24 Commenti

  1. se la prostituzione viene effettuata in pieno giorno davanti a scuole e addirittura parcheggio struttura sportiva , non grande, dove fanno attivita’ sportiva soprattutto i bimbi , e’ legale tutto cio’? e se non lo e” come si puo’ intervenire? il tutto in un quartiere popolare

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube