Diritto e Fisco | Articoli

F24 cartaceo, chi può utilizzarlo?

30 Gennaio 2017 | Autore:
F24 cartaceo, chi può utilizzarlo?

Pagamento con modello F24: in quali casi si può utilizzare il modulo cartaceo o l’home banking, quando è obbligatorio l’intermediario.

Torna, grazie a un decreto emanato da poco [1], la possibilità di utilizzare, per i contribuenti non titolari di partiva Iva, il modello F24 cartaceo, per le operazioni con un saldo finale superiore a 1.000 euro; l’F24 cartaceo, però, può essere presentato solo se non sono effettuate compensazioni, cioè se non ci sono importi a credito da compensare.

Resta tutto uguale, invece, per gli F24 a saldo zero, che possono essere inviati solo mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate e per gli F24 contenenti l’utilizzo di crediti in compensazione. Ma procediamo per ordine e vediamo con quali modalità deve essere presentato il modello F24, sia per i contribuenti con partita Iva che per quelli che ne sono privi.

Modello F24: che cos’è

Ricordiamo innanzitutto che il modello F24 è il modulo con il quale devono essere pagati la maggior parte dei tributi e dei contributi (compresi eventuali interessi e sanzioni): il modello è messo a disposizione di tutti i cittadini dal Ministero delle Finanze.

Contribuenti senza partita Iva: come pagare l’F24

I contribuenti privi di partita Iva, alla luce delle ultime modifiche normative, possono presentare i modelli F24 con le seguenti modalità:

  • in formato cartaceo, anche per pagamenti superiori a 1.000 euro, ma senza compensazioni;
  • attraverso i servizi online della propria banca (home banking), anche per pagamenti superiori a 1.000 euro, con e senza compensazioni, ma non a saldo zero;
  • gli F24 a saldo zero possono essere presentati solo attraverso i servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (F24 online; F24 web; F24 cumulativo); i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate possono essere comunque utilizzati anche per le altre tipologie di pagamento.

Contribuenti con partita Iva: come pagare l’F24

I contribuenti con partita Iva, invece, non possono presentare i modelli F24 cartacei, ma soltanto tramite home banking o attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. In particolare:

  • è possibile utilizzare i servizi online messi a disposizione dalla banca anche per effettuare versamenti con compensazioni, ad eccezione delle compensazioni orizzontali con crediti Iva superiori a 5.000 euro;
  • per quanto concerne i versamenti con crediti Iva in compensazione sopra i 5000 euro e i versamenti a saldo zero, questi devono essere presentati solo attraverso i servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (F24 online; F24 web; F24 cumulativo), che possono essere utilizzati, come già detto, anche per le altre tipologie di pagamento.

note

[1] DL n. 193/2016.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube