Diritto e Fisco | Articoli

Multa al semaforo rosso: se l’auto è oltre la linea di stop

12 Gennaio 2017
Multa al semaforo rosso: se l’auto è oltre la linea di stop

Scatta la multa al semaforo rosso quando la foto fa vedere l’automobile a cavallo delle linee bianche sull’asfalto della segnaletica orizzontale.

Immaginiamo di arrivare con l’auto a un incrocio e, siccome il semaforo è rosso, ci arrestiamo; senonché – complice anche la pioggia e il tempo che ha cancellato le strisce bianche della segnaletica sulla strada – le ruote anteriori della nostra automobile superano la linea di stop. Dopo qualche settimana riceviamo una multa perché, sul semaforo, era posizionata una telecamera: il famigerato T-Red. Possiamo ritenere nulla la multa oppure dobbiamo rassegnarci a pagarla? La soluzione è stata data ieri dalla Cassazione [1].

Leggi anche Multa al semaforo rosso come fare ricorso.

Secondo la Suprema Corte, è valida la multa quando, dalla foto, si vede l’automobile a cavallo della linea di arresto con il semaforo rosso.

L’obbligo del conducente è, quindi, quello di arrestare la macchina prima dello stop, facendo attenzione a dove lo stesso è collocato. Solo la totale cancellazione della linea bianca dall’asfalto giustificherebbe l’automobilista che, in tal caso, potrebbe impugnare la multa per essersi trovato nell’impossibilità oggettiva di rispettare la segnaletica orizzontale. Sarà comunque opportuno fare le fotografie per poter dimostrare, al Prefetto (in caso di ricorso in via amministrativa, entro 60 giorni dalla notifica del verbale) o al giudice di Pace (in caso di ricorso in via giudiziale, entro 30 giorni dalla notifica del verbale) le proprie ragioni.

Ricordiamo anche che, se il conducente passa con il giallo, ma mentre è a cavallo della linea, scatta il rosso la multa è ugualmente valida. Difatti, secondo il codice della strada, la luce gialla è disposta proprio per consentire ai conducenti di rallentare e frenare per tempo, per non dover invece inchiodare il veicolo all’improvviso arrivo del rosso.


note

[1] Cass. sent. n. 460/2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube