Diritto e Fisco | Articoli

Canna fumaria in condominio: cosa serve?

21 gennaio 2017


Canna fumaria in condominio: cosa serve?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 gennaio 2017



Per istallare sulla facciata condominiale una canna fumaria, occorre un verbale di assemblea? Possono i condomini impedirmelo se c’è autorizzazione comunale?

La realizzazione della canna fumaria rientra tra gli interventi ammessi dal codice civile [1], che consente al condomino di apportare modifiche volte a trarre un’utilità aggiuntiva dal bene comune senza il consenso degli altri condomini, in tal modo rafforzando il principio – certamente pacifico – secondo cui il condominio non può opporsi all’installazione della canna fumaria sulla facciata condominiale.

Per tale ragione, l’autorizzazione del Comune non necessita di una deliberazione in tal senso dell’assemblea condominiale.

Ottenuta l’autorizzazione comunale, il lettore potrà, pertanto, installare la canna fumaria, avendo cura di non alterare la destinazione della cosa comune, né impedire agli altri condomini di farne parimenti uso, rispettando le distanze, le norme di sicurezza ed il decoro dell’edificio.

 

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Alessandro Dini

note

[1] Art. 1102 cod. civ.

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI