Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Come cercare beni da pignorare contro l’azienda

4 Marzo 2017
Come cercare beni da pignorare contro l’azienda

Dopo le mie dimissioni, l’ex azienda mi ha girato una cambiale di un’altra azienda, messa all’incasso da quest’ultima che, però, non l’ha pagata ed è stato elevato il protesto. Cosa posso fare?

Circa la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, su richiesta del ministero della Giustizia, le pubbliche amministrazioni che gestiscono le banche dati [1] mettono a disposizione degli ufficiali giudiziari gli accessi a titolo gratuito [2], mediante la cosiddetta cooperazione applicativa (cioè l’interconnessione fra i sistemi informatici di tutte le pubbliche amministrazioni).

Inoltre, la norma oggi in vigore prevede che, sino a quando non saranno definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale gli standard di comunicazione e le regole tecniche a cui le pubbliche amministrazioni devono conformarsi e, in ogni caso, fino a quando l’amministrazione che gestisce la banca dati o il ministero della Giustizia non disporranno dei sistemi informatici per la predetta cooperazione applicativa, l’accesso alle banche dati sarà consentito solo previa stipulazione di una convenzione finalizzata alla fruibilità informatica dei dati, sentito il Garante per la Privacy. In seguito a queste ultime modifiche, quindi, i creditori per poter accedere alle banche dati per ricercare telematicamente i beni da pignorare, devono attendere che l’Agenzia per l’Italia Digitale definisca gli standard di comunicazione e le regole tecniche cui le pubbliche amministrazioni dovranno conformarsi per porre i dati a disposizione degli ufficiali giudiziari oppure, in alternativa, devono attendere che venga stipulata la convenzione finalizzata alla fruibilità informatica dei dati, sentito il Garante per la Privacy.

Fino ad allora, quindi, i creditori non potranno concretamente avvalersi della ricerca telematica dei beni del debitore a meno che, come nel recente passato, alcuni tribunali non la autorizzino comunque, anche in assenza della definizione degli standard o della convenzione di cui sopra che costituiscono, in ogni caso, requisiti che è la legge stessa a porre.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte 


note

[1] Ai sensi dell’art. 492-bis cod. proc. civ.

[2] Art. 58 Codice dell’Amministrazione Digitale (d.lgs. n. 82 del 07.03.2005).


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube