Diritto e Fisco | Articoli

Requisiti pensione anticipata lavoratori precoci 2017

17 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 gennaio 2017



Lavoro da quando avevo meno di 19 anni di età e ho 41 anni di contributi: ho diritto alla pensione anticipata lavoratori precoci?

Per ottenere la pensione anticipata lavoratori precoci non basta aver lavorato prima del compimento del 19° anno di età, ma occorre anche avere almeno 1 anno di contribuzione per periodi di lavoro effettivo svolti prima di quella data. Serve inoltre il possesso di requisiti specifici, espressamente previsti dalla legge.

In particolare, può chiedere la pensione anticipata il lavoratore precoce (dipendente o autonomo) con almeno 1 anno di contribuzione per periodi di lavoro effettivo svolti prima del compimento del 19° anno di età, che si trova in una delle seguenti condizioni:

– si trova in stato di disoccupazione perché licenziato (vi rientra anche l’ipotesi di licenziamento collettivo), dimesso per giusta causa o per risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, e che non percepisce più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione;

– assiste, al momento della richiesta e da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità;

– ha una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%;

– è lavoratore dipendente addetto a lavori usuranti o che svolge da almeno 6 anni in via continuativa una delle seguenti attività:

  • operaio dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
  • conduttore di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  • conciatore di pelli e di pellicce;
  • conduttore di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  • conduttore di mezzi pesanti e camion;
  • personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  • addetto all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
  • insegnante della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido;
  • facchino, addetto allo spostamento merci ed assimilati;
  • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  • operatore ecologico e altro raccoglitore e separatore di rifiuti.

Come si calcolano i contributi lavoratori precoci

Se si rientra in una delle suddette categorie, si ha diritto alla pensione anticipata con 41 anni di contributi, purchè, oltre ad aver iniziato a lavorare molto presto, siano stati versati almeno 12 mesi di contributi da lavoro effettivi prima di compiere 19 anni di età. Deve trattarsi di contributi versati all’Inps a seguito di lavoro effettivamente svolto in quel periodo.

Ciò significa che non possono accedere alla pensione anticipata:

  • coloro che non hanno versato almeno un anno di contributi da lavoro effettivo (non valgono né i contributi figurativi né i periodi di riscatto, per esempio dei corsi di formazione);
  • coloro che, pur avendo effettivamente lavorato nell’anno o negli anni prima di diventare diciannovenni, non abbiano versato la misura minima di 12 mesi di contributi.
Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI