Diritto e Fisco | Articoli

C’è un limite nel donare denaro a un parente?

17 Gennaio 2017
C’è un limite nel donare denaro a un parente?

Non si può regalare liberamente del denaro o altri beni come case, appartamenti terreni a un parente: bisogna sempre rispettare le quote di legittima.

Sembrerà assurdo, ma si è più liberi a regalare del denaro a un amico che a un parente: in quest’ultimo caso, infatti, sussistono dei vincoli derivanti dall’obbligo di non ledere i cosiddetti «legittimari», ossia i parenti più stretti che, alla morte del donante, hanno diritto a succedere in una parte minima del suo patrimonio. Questo limite, invece, non esiste quando si fa un regalo, anche molto sostanzioso, a un soggetto estraneo alla famiglia. Così, paradossalmente, si può regalare tutto il proprio patrimonio a un amico e non a un parente, a condizione che ciò non avvenga per «futili motivi» (nel qual caso scatta l’inabilitazione per «prodigalità»). Il che è stato di recente confermato anche dalla Cassazione (leggi Si possono regalare più soldi ad amici che ai parenti?). Ma procediamo con ordine e vediamo qual è il limite massimo di denaro o di altri beni che si possono donare a un familiare.

La tutela dei parenti più stretti

Alcuni parenti prossimi sono tutelati da eventuali atti di cessione del patrimonio, fatti dal defunto sia quando ancora era in vita, a titolo di donazioni, sia dopo la sua morte, a titolo di disposizioni testamentarie. La legge fa sì che tali soggetti possano agire contro i donatari o gli eredi che, avendo acquisito una parte eccessiva del patrimonio del defunto, possano privarli di una quota di eredità a loro, invece, riservata obbligatoriamente per legge.

Questi soggetti tutelati dal codice civile sono: il coniuge, i figli, e gli ascendenti del defunto. Essi sono detti legittimari: ereditano necessariamente una parte del patrimonio, a prescindere da ciò che il defunto ha disposto con donazioni o con il testamento (si parla, a riguardo di «successione necessaria»).

Il caso della donazione a un parente

Se una persona dona in vita una parte consistente del proprio patrimonio ad uno o più parenti, privando i legittimari della loro quota di eredità minima riconosciutagli dalla legge, questi ultimi possono agire in giudizio per veder tutelato il loro diritto (azione di riduzione) e ottenere la restituzione di parte o di tutto il patrimonio ceduto, in vita, dal parente deceduto.

Ovviamente non è detto che i legittimari debbano necessariamente impugnare la donazione. Se i rapporti tra i parenti sono “buoni, questi possono evitare di agire in giudizio, lasciando trascorrere il termine decennale di prescrizione oppure accettando esplicitamente le ultime volontà del defunto (le disposizioni testamentarie che ledono i diritti dei legittimari non sono infatti né nulle né automaticamente inefficaci, ma hanno subito effetto a meno che non venga avviata la causa).

Per evitare problemi agli eredi, in ogni caso, il testatore dovrebbe tenere sempre in considerazione quale parte del suo patrimonio è riservata ai legittimari, e quale parte invece è da lui liberamente disponibile, attribuendola a chi vuole. Quindi, chi voglia regalare a un parente del denaro deve ricordare quali sono le percentuali del suo patrimonio che, alla sua morte, dovranno finire necessariamente ai legittimari.

Se c’è solo il coniuge

In assenza di figli, a favore del coniuge è riservata la metà del patrimonio dell’altro coniuge. Al coniuge è equiparata la parte di una unione civile.

Questo significa che, se una persona è sposata o non ha figli, è libera di donare solo metà del proprio conto in banca a un parente, poiché l’altra metà deve necessariamente finire al marito o alla moglie.

Se c’è il coniuge e un solo figlio

Se oltre al coniuge il defunto lascia anche un figlio, un terzo (33,3%) del patrimonio è riservato al coniuge ed un altro terzo (33,3%) al figlio. Il testatore può quindi donare liberamente solo un terzo del suo patrimonio (33,3%).

Se c’è il coniuge e un solo figlio

Se i figli sono più di uno, ad essi è complessivamente riservata la metà del patrimonio (in parti uguali) e al coniuge spetta un quarto del patrimonio del defunto.

Il testatore può dunque donare solo un quarto del suo patrimonio agli altri parenti.

Se ci sono solo figli e non il coniuge

In assenza di coniuge, all’unico figlio è riservata la metà del patrimonio. Questo significa che è possibile donare l’altro 50% del proprio patrimonio.

In caso di pluralità di figli, a questi spettano (in parti uguali) due terzi del patrimonio. Il testatore può dunque disporre di un solo terzo del suo patrimonio.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube