Diritto e Fisco | Articoli

Unioni “d’amore” combinate dai genitori: è reato

12 Settembre 2012 | Autore:
Unioni “d’amore” combinate dai genitori: è reato

Genitori consapevoli e consenzienti, per “accasare” le figlie, a rapporti sessuali da queste ultime intrattenuti già da minori: per la legge è reato (concorso in prostituzione minorile).

Il pensiero prevalente di ogni padre e di ogni madre, si sa, è quello di assicurare una vita agiata ai propri figli, cercando per loro una tranquillità economica e sociale quanto più confacente e dignitosa possibile. Nulla di strano in tutto ciò se non fosse che c’è chi, per tale motivo, dovrà scontare 3 anni, 4 mesi e 15 giorni di reclusione.

A tanto ammonta infatti la condanna, confermata dalla Corte di Cassazione [1], ai genitori di una tredicenne, colpevoli di aver consentito e incoraggiato la propria figlia a intrattenere una stabile convivenza con il vicino di casa, in tal modo agevolando la consumazione di rapporti sessuali tra quest’ultimo e la minore. La premature preoccupazioni di “sistemare” la figlia sono in realtà configurabili come un concorso di persone nel reato di prostituzione minorile[2] poiché la legge punisce, non solo, chi compie atti sessuali con un minore di anni quattordici, ma anche chi, in qualsiasi modo, partecipa o favorisce la realizzazione del fatto illecito.

Secondo i giudici, il reato si configura perché la madre e il padre sono venuti meno all’obbligo – imposto loro dalla legge – di impedire che la figlia sotto i quattordici anni avesse rapporti sessuali, pur avendone contezza.

A nulla è valsa la giustificazione di aver agito nell’interesse della bambina. Non c’è dubbio che l’esperienza vissuta abbia causato alla piccola dei traumi psichici che, probabilmente, manifesteranno i loro effetti negativi negli anni a venire.

 

 


note

[1] Cass. sent. 33562/2012.

[2] Artt. 110 e 609 c.p.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube