Diritto e Fisco | Articoli

Le immagini scaricate da internet si possono usare liberamente?

31 gennaio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 31 gennaio 2017



Voglio creare un logo per la mia attività: posso usare un’immagine trovata sul web?

Cercare immagini sul web è molto semplice, così come potrebbe essere semplice pensare di poter usare liberamente le immagine trovate. Purtroppo, non è sempre così. La realtà dei fatti è che bisogna porre molta attenzione prima di usare un’immagine “scaricata” da internet, soprattutto se l’uso che si intende fare non ha carattere personale, ma  commerciale. Ed infatti, è molto importante capire che se preleviamo delle immagini in rete e le utilizziamo a nostro piacimento ci esponiamo alla possibile violazione dei diritti di proprietà intellettuale ed alle eventuali conseguenze negative derivanti da una possibile richiesta di risarcimento dei  danni da parte di chi ha creato l’immagine o da parte di abbia acquistato il diritto (magari esclusivo) di sfruttare l’immagine stessa.

Tutte le immagini di carattere creativo sono da considerare protette ai sensi della legge [1], in quanto frutto della creatività di un soggetto che ha diritto ad essere retribuito per la propria creazione e, dunque, per il proprio lavoro. Per evitare tali spiacevoli conseguenze è necessario verificare che l’immagine che ci interessa non sia “coperta” dal c.d. copyright, che ne protegge i diritti d’autore.

Come verificare la presenza di copyright sulle immagini?

Esistono diversi software che se installati – talvolta a pagamento – consentono di verificare se le immagini presenti sul web siano o meno coperte da copyright. A tal fine, tuttavia, forse non tutti sanno che il metodo più semplice, sicuro ed economico è proprio Google. Al riguardo, è bene sapere che la maggior parte delle immagini che Google presenta come risultati della ricerca sono coperte da copyright e non è dunque possibile semplicemente prelevarle ed utilizzarle a nostro piacimento. Google ci consente, tuttavia, di filtrare i risultati attraverso uno strumento di ricerca avanzata immagini. Vediamo come.

Basta collegarsi con la Home Page di Google e scegliere una parola chiave.

Digitiamo, ad esempio, la parola “fiocco”.

Fatto ciò, selezioniamo Immagini come metodo di ricerca (che, come da figura sottostante, è la seconda opzione posta in alto della pagina).

 

Vedremo, quindi, spuntare molte immagini.

A questo punto, per verificare se tali immagini siano coperte da copyright o se, invece, siano liberamente utilizzabili è necessario cliccare sul link Strumenti (che è l’ultima opzione posta in alto della pagina) e selezionare poi, nel menu che compare, la voce Diritti di utilizzo.
A questo punto, per scoprire se l’immagine che ci interessa è liberamente utilizzabile non ci resta che selezionare il filtraggio desiderato, come da figura sottostante:

Attenzione: di default la ricerca è impostata per visualizzare ogni tipo di immagine (comprese quelle con copyright). Ed infatti, se non eseguiamo l’operazione appena descritta, sarà sempre attivo il primo filtro di ricerca (valido per le immagini non filtrate in base alla licenza). Al contrario, se si intende ricercare esclusivamente immagini libere dai diritti d’autore, occorre selezionare non la prima voce, ma a seconda delle proprie esigenze, uno dei seguenti quattro filtri:

  • Contrassegnate per essere riutilizzate con modifiche;
  • Contrassegnate per essere riutilizzate;
  • Contrassegnate per il riutilizzo non commerciale con modifiche;
  • Contrassegnate per il riutilizzo non commerciale.

I quattro filtri di cui sopra sono validi se la ricerca dell’immagine che ci interessa è effettuata per fini non commerciali, ma personali.

Al contrario, se l’immagine che stiamo cercando dovrà essere utilizzata per finalità commerciali, l’operazione da eseguire sarà la seguente.

Invece di cliccare – come abbiamo fatto prima  –  sul link Strumenti dobbiamo selezionare la voce Impostazioni (che è la penultima opzione posta in alto della pagina) e selezionare poi, nel menu a tendina che compare, la voce Ricerca avanzata.

Si veda, per comprendere meglio, l’immagine seguente.

Bene. Nella pagina che verrà visualizzata ci sono varie opzioni di ricerca messe a disposizione. L’opzione che, in questo caso, ci interessa è in basso ed è posta in corrispondenza della voce Diritti di utilizzo.

È necessario, a questo punto, espandere il menu laterale per poter selezionare il filtraggio desiderato, come da figura sottostante:

Per visualizzare le immagini liberamente utilizzabili anche a fini commerciali  –   come facilmente intuibile  –  bisognerà selezionare il filtro nominato «risultati utilizzabili o condivisibili liberamente, anche a scopo commerciale».

Ovviamente, le immagini così selezionate saranno diverse e soprattutto di gran lunga inferiori rispetto a quelle che comparivano in precedenza (in quanto – appunto – non filtrate).

Tuttavia, solo le immagini correttamente filtrate sono quelle liberamente utilizzabili e solo così facendo ci si porrà al riparo da eventuali rivendicazioni da parte dell’autore dell’immagine o, ad esempio, da parte di  aziende concorrenti.

Che fare, però, se questo tipo di ricerca non ci soddisfa?

A tal proposito, è bene sapere che già da tempo si sono sviluppati sul web diversi siti internet dedicati alla sola ed esclusiva ricerca di immagini senza copyright che possono essere utilizzate anche per scopi commerciali.

Eccone alcuni:

  • Pixabay;
  • Sprixi;
  • Flickr;
  • Unsplash;
  • OpenPhoto.com.

Tali siti consentono la ricerca delle immagini tramite apposito motore di ricerca interno nel quale digitare la parola chiave per trovare le corrispondenti immagini.

Nella maggior parte dei casi, il download di tali immagini è gratuito o, comunque, costa pochi euro e l’unico requisito richiesto è la c.d. attribuzione. Sarà necessario, cioè, citare la fonte dell’immagine. Quindi, se ad esempio, scarichiamo un’immagine da Pixabay, sarà necessario specificare che autore dell’immagine è – appunto – Pixabay.

note

[1] L. 22 aprile 1941 n. 633, che tutela il diritto d’autore ed altri diritti connessi al suo esercizio, aggiornata, da ultimo, con le modifiche apportate dalla L. 28 dicembre 2015, n. 208 e dal D. Lgs. 15 gennaio 2016 n. 8.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. siiii salve io mi chiamo matteo vorrei sapere se internet puo’ migliorare le porpozioni migliori delle immigini cioe’ delle foto che si salva da internet perche’ io quando devo andare dal fotografo ………………….non mi vengono fuori con la misura stessa

  2. Io invece di tutte ste delucidazioni e raccomandazioni e proibizioni, non capisco perchè se uno vuole non le può scaricare e usare!!! Facessero a meno di pubblicarle, no?
    Che pubblichi a fare una foto se poi non la vuoi condividere! Egoista!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI