HOME Articoli

Lo sai che? Come rottamare l’auto del parente defunto

Lo sai che? Pubblicato il 18 gennaio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 18 gennaio 2017

Mio padre è morto qualche mese fa e l’auto è rimasta parcheggiata dov’era; vorremmo rottamarla perché è ormai vecchia. Quali pratiche bisogna seguire?

La prima cosa importante di cui tenere conto è che l’auto, anche se non utilizzata, se parcheggiata in un luogo pubblico o aperto al pubblico (ad esempio a margine della strada) deve essere assicurata; la mancata copertura assicurativa può infatti implicare sanzioni pesanti sugli eredi. Solo conservando l’auto in un box o in un garage personale non sarà necessario provvedere al rinnovo dell’assicurazione.

Al contrario, il bollo auto va comunque pagato anche se l’auto non viene utilizzata ed è chiusa in un luogo privato e non accessibile al traffico.

Se l’erede intende rottamare l’auto del parente defunto dovrà rivolgersi, munito dei documenti del veicolo (carta di circolazione e certificato di proprietà o vecchio foglio complementare) a un centro autorizzato (lo sono quelli che la ottengono dall’ente locale preposto, di solito la provincia) che in base ai soli e contenuti costi previsti per legge procederà alla rottamazione e alla radiazione dal Pra, prevista entro 30 giorni dalla consegna del mezzo.

Per evitare di pagare il bollo auto sull’auto da rottamare è necessario che la procedura di demolizione venga avviata entro massimo un mese dalla scadenza dell’ultimo versamento della tassa automobilistica. Il contribuente infatti ha sempre 30 giorni per pagare. Senonché, scaduto tale termine, l’obbligo è automatico anche se il mese successivo si provvede alla rottamazione; né per questo è dovuto il rimborso, salvo che la legge regionale disponga diversamente, come a volte succede; per cui sarà meglio informarsi presso la propria delegazione Aci o presso gli uffici della Regione.

L’imposta non è dovuta dal periodo d’imposta successivo a quello in cui si verifica la radiazione del veicolo dal Pra o viene annotata la perdita di possesso.

Per maggiori approfondimenti leggi:


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI