Diritto e Fisco | Articoli

Latte: pubblicato il decreto che obbliga ad indicare l’origine

20 Gennaio 2017 | Autore:
Latte: pubblicato il decreto che obbliga ad indicare l’origine

Dal prossimo 20 aprile il latte e molti latticini prodotti in Italia dovranno indicare nell’etichetta il paese di origine del latte. L’obbligo però non riguarderà i prodotti provenienti dall’estero.

 

È stato appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che ha reso obbligatorio per i produttori di latte e di molti latticini prodotti e venduti in Italia indicare nell’etichetta il paese di origine del latte, così da permettere ai consumatori di sapere con certezza se si tratta o meno di latte italiano.

Il governo aveva già annunciato il decreto e noi ne avevamo già dato notizia (vedi l’articolo “Latte e latticini, arriva l’indicazione di origine”), elencando le principali novità previste.

In particolare:

– l’etichetta dovrà indicare sia il «paese di mungitura», sia il «paese di condizionamento o di trasformazione», a meno che questi non coincidano e in questo caso basterà indicare il paese di «origine del latte»;

– se il latte è originario di più paesi dell’UE potrà essere utilizzata la dicitura «latte di paesi UE» o «condizionato o trasformato in paesi UE» e lo stesso si potrà fare per i paesi extra-UE, utilizzando la dicitura «paesi non UE»;

– le indicazioni in etichetta dovranno essere indelebili, facilmente leggibili e visibili: sarà vietato quindi l’utilizzo di indicazioni, elementi grafici o qualsiasi altro accorgimento che finisca per rendere impossibile o difficile l’individuazione e la comprensione dell’indicazione di origine.

L’obbligo riguarda il latte prodotto da qualsiasi animale e i seguenti prodotti derivati:

– creme di latte

– formaggi

– latticini

– cagliate

– latticello

– latte e crema coagulata

– kefir e altri tipi di latte e creme fermentate o acidificate

– siero di latte

– prodotti costituiti di componenti naturali del latte

– burro e altre materie grasse provenienti dal latte.

Il governo ha presentato il decreto come strumento per tutelare il Made in Italy e garantire un’informazione corretta al consumatore sull’origine del latte.

Tuttavia, a causa dei vincoli imposti dall’UE e dalle regole del commercio internazionale è stabilito che i nuovi obblighi non si applicheranno agli alimenti prodotti o commercializzati all’estero.

È prevedibile che quest’ultima norma [2] finirà per creare numerosi dubbi e controversie, anche perché essa rischia di discriminare i produttori italiani che non utilizzano esclusivamente latte italiano per i propri prodotti: essi, infatti, saranno costretti ad indicare che il latte utilizzato è di provenienza estera, rischiando di essere penalizzati dai consumatori, mentre i colleghi esteri non saranno sottoposti allo stesso obbligo.

I nuovi obblighi non riguardano il latte fresco tracciato e i prodotti bio, DOP e IGP, per i quali l’obbligo di indicare l’origine è già vigente.

L’obbligo entrerà in vigore il 20 aprile prossimo e sarà applicato in via sperimentale fino al 31 marzo 2019. I produttori potranno continuare a vendere le scorte di alimenti già prodotti fino ad un massimo di sei mesi dall’entrata in vigore.


note

[1] Decreto 9 dicembre 2016 del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.

[2] Art. 6.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube