Diritto e Fisco | Articoli

Come comprare immobili senza soldi?

9 febbraio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 febbraio 2017



Comprare casa senza soldi è impossibile… o no? Ci sono soluzioni valide anche per chi non dispone di immediata liquidità. Vediamole insieme.

 

Comprare casa senza soldi: è impossibile, diranno molti di noi. Eppure esistono vari modi per diventare proprietari di un immobile, o semplicemente possederlo, anche se non si dispone, nell’immediato, di liquidità di denaro. Bando alle ciance, vediamo quali sono.

Comprare casa senza soldi: leasing immobiliare

Con il leasing immobiliare (o locazione finanziaria) è una banca o un’altra società ad acquistare l’abitazione a cui il privato è interessato, offrendogliela poi in godimento, dietro pagamento di un fitto periodico, a un valore superiore a quello di mercato. In pratica, una specie di locazione. Alla scadenza del contratto, però, l’utilizzatore può scegliere se:

  • recedere dal contratto;
  • rinnovare il leasing per un altro periodo;
  • acquistare l’immobile, riscattando la residua parte del valore, detratti i canoni sino ad allora corrisposti (cosiddetto riscatto).

Come si può notare, con il leasing l’utilizzatore dispone immediatamente dell’immobile, impegnandosi a rimborsare ratealmente la somma anticipata dal concedente, oltre agli interessi e alla remunerazione del capitale per il rischio dell’operazione.

Comprare casa senza soldi: vendita con riserva di proprietà

Altro modo è quello della vendita con riserva della proprietà (o anche detta “con patto di riservato dominio”): in tal caso, la proprietà del bene non viene trasferita con la firma del contratto, ma solo con il pagamento dell’ultima rata. Il futuro acquirente, però, può entrare fin da subito in possesso dell’immobile. Ancora una volta, una sorta di affitto, con la certezza che il pagamento di tutti i canoni porterà, alla fine del contratto, anche all’acquisto della titolarità del bene, senza possibilità di riscatto come, invece, avviene nel leasing. Come si può capire, in tal modo, viene garantita la certezza dell’acquisto ed eventuali ipoteche o pignoramenti a carico del venditore non potranno essere opposti all’acquirente, dato che il suo acquisto viene trascritto anteriormente agli atti pregiudizievoli.

Meno vantaggi, invece, dal punto di vista fiscale in quanto, trattandosi di compravendita a tutti gli effetti, le imposte vanno pagate immediatamente.

Comprare casa senza soldi: il rent to buy

Con il rent to buy (letteralmente “locare per acquistare”) la concessione del godimento di un immobile (rent) è immediata: il conduttore ha diritto ad acquistarlo (buy) entro un termine determinato, imputando al corrispettivo del trasferimento la parte di canone indicata nel contratto.

In sostanza, la vendita di immobili avviene attraverso un’operazione basata su due contratti collegati ma stipulati in momenti diversi:

  • prima, il vero e proprio contratto di rent to buy, con il quale si attribuisce a un soggetto il godimento dell’immobile che egli ha intenzione di acquistare;
  • poi, la vendita, in modo analogo a un normale contratto di vendita, ma che, però, è eventuale, subordinata al fatto che il conduttore eserciti il diritto d’acquisto contrattualmente previsto.

I vantaggi del rent to buy, soprattutto in momenti di crisi del mercato immobiliare, sono molteplici, dato che il futuro acquirente può:

  •  acquistare l’immobile pagandone il prezzo in modo dilazionato, pur avendone immediatamente la disponibilità;
  •  decidere se acquistare l’immobile o meno dopo averlo avuto il locazione;
  •  ottenere facilitazioni nella richiesta di un mutuo: si riesce a essere più credibili dal punto di vista della solvibilità e risulta ridotto l’importo da farsi erogare (le banche infatti non concedono quasi mai mutui oltre l’80% del valore di perizia dell’immobile);
  • posticipare l’atto notarile e le relative spese;
  • posticipare il momento in cui deve versare le imposte sull’acquisto;
  • godere di un maggior tempo per vendere l’immobile che si intende eventualmente sostituire con quello oggetto del futuro acquisto.

Comprare casa senza soldi: prestito vitalizio ipotecario

Il prestito vitalizio ipotecario è una soluzione per chi ha più di 60 anni ed è già proprietario di un immobile. In sostanza, l’interessato si rivolge a una banca e chiede un prestito pari a una percentuale del valore dell’immobile da acquistare, dietro concessione di ipoteca sullo stesso immobile. Così facendo, può diventare proprietario dell’abitazione.

Alla morte del proprietario gli eredi possono scegliere se:

  • rimborsare il prestito alla banca (a rate o meno), estinguere l’ipoteca e tenersi l’immobile;
  • vendere l’immobile o farlo vendere alla banca, sempre a prezzo di mercato, estinguendo con il ricavato il debito.
Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Mi spiace constatare che quanto descritto nel post pubblicato da Maura Corrado (non me ne voglia la redattrice, ma è per pura trasparenza nei confronti degli utenti) sia solo ed esclusivamente “accademia”, con contenuti inesatti, omissis e di nulla praticità. Per onestà d’intenti, la blogger dovrebbe dirci se ha testato una delle “formule” su descritte, se (come si dice) “ha sbattuto il muso” contro la realtà! A dimostrazione di quanto lamento:
    – leasing immobiliare: notoriamente la formula prevede un anticipo consistente (quindi ….. viene a mancare la premessa del post);
    – vendita con riserva di proprietà: il “riservista proprietario” impone un escrow account o una titolo in pegno per l’esatto adempimento;
    – rent to buy: esercitato solo da costruttori con grandi “rimanenze”e banche (trasformate in immobiliari) che applicano condizioni “al limite dell’usura” ai malcapitati. Anche in questo caso, la controparte richiede garanzie e cauzioni infruttifere!!
    – prestito vitalizio: solo 4 banche in Italia dicono di essere operative ma solo 1 è in grado di istruire la pratica. A condizione che si tratti di un cliente già anagrafato e che abbia tempo a sufficienza per attendere una delibera che 99/100 sarà negativa. Tempi? almeno 8 mesi.

    1. Grazie x aver spiegato molto semplice il raggiro di questi illustri personaggi….. E come sempre la madre dei cretini è sempre incinta..!!!!

  2. Le banche da sempre,ogni volta una persona chiede un finanziamento di qualsiasi natura,pretendono garanzie ed una stabilità lavorativa dimostrabile. Senza queste basi difficilmente si otterrà qualcosa.Giocare con sistemi d’acquisto senza basi concrete di garanzia porta a nulla o a finanziamenti al limite dell’usura.Così era in passato e credo che così sarà sempre,soprattutto quando si tratta di richieste di denaro nei confronti di banche o finanziarie.

  3. Purtroppo nella vita reale non sono soluzioni percorribili.. L unica soluzione è il classsico mutuo ipotecario con tutto quello cheche comporta.. La Banca diventa un ispettore che scruta tutta la tua vita e pretende garanzie fantascientifiche.. solo i costi per l acquisto sono circa 14.000 € è una vergogna.. L acquisto della prima casa dovrebbe essere molto più agevolato e incentivato..

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI