Diritto e Fisco | Articoli

Ravvedimento operoso in caso di dichiarazione infedele

11 Febbraio 2017
Ravvedimento operoso in caso di dichiarazione infedele

Sono pensionato e nell’anno 2012 e 2013 non ho presentato correttamente la dichiarazione di redditi per lavoro dipendente. Posso ricorrere al ravvedimento operoso?

Una dichiarazione infedele (e non una dichiarazione omessa), se si presenta comunque il modello 730, si può sanare con il ravvedimento operoso. Nel caso di dichiarazione infedele se viene indicato, ai fini delle singole imposte, un reddito imponibile inferiore a quello accertato, quindi un’imposta inferiore a quella dovuta o un credito superiore a quello spettante, si applica la sanzione dal 90% al 180% della maggiore imposta dovuta.

Nel caso di ravvedimento operoso è prevista una riduzione della sanzione pari ad 1/6, mentre nel caso di regolarizzazione dopo la contestazione da parte dell’Agenzia delle Entrate è prevista una sanzione ridotta di 1/5.

Oltre alle sanzioni, sono dovuti poi gli interessi e le imposte non versate.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Paolo Florio



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube