Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramento presso terzi, risulta in Crif?

24 Gennaio 2017
Pignoramento presso terzi, risulta in Crif?

Ho subito un pignoramento dello stipendio e uno del conto corrente: vorrei sapere se ora risulta alla Crif e, da segnalato, non posso accedere a un mutuo.

Il pignoramento presso terzi, in qualsiasi forma esso si svolga (conto corrente, stipendio pensione, ecc.), è una procedura che avviene esclusivamente tramite tribunale (con la sola eccezione del pignoramento del conto corrente da parte del Fisco che, invece, non necessita del controllo del giudice). La procedura di pignoramento viene annotata in un registro interno al tribunale medesimo: detto registro è a uso esclusivo della cancelleria e degli avvocati, non ha carattere pubblico, non può essere consultato dagli estranei e non ha alcun valore certificatorio. La presenza, pertanto, di un pignoramento presso terzi – sia esso ancora in corso che già estinto – non risulta, quindi, in nessuna banca dati pubblica, tantomeno alla Crif che, invece, è una banca dati privata e non si limita solo ai cattivi pagatori.

In particolare, la Crif è un registro ove risultano le situazioni di indebitamento, ossia il ricorso da parte degli italiani al credito delle banche, finanziarie, ecc.: sia quelle che vengono puntualmente onorate, sia di quelle in situazioni di morosità. Insomma, alla Crif vengono conservati i dati tanto di chi paga, tanto di chi non paga. La Crif non registra i procedimenti giudiziari che, come detto, si svolgono nella piena segretezza e i relativi dati non sono pubblici.

Dunque, per rispondere alla domanda del lettore: alla Crif non risultano i pignoramenti dello stipendio o del conto corrente. In ogni caso è sempre possibile chiedere una visura Crif per verificare quali dati sono ancora presenti nel data base.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube