Diritto e Fisco | Articoli

Dove si può pagare F24?

3 Febbraio 2017 | Autore:
Dove si può pagare F24?

Il modello F24 è il documento tramite il quale è possibile effettuare il pagamento dei tributi dovuti da imprese e contribuenti. Dove e come si paga?

Il modello F24 è il documento tramite il quale è possibile effettuare il pagamento dei tributi dovuti da imprese e contribuenti, per esempio anche quelli relativi a Tasi ed Imu. Le regole che disciplinano tale strumento sono cambiate nel corso degli anni. Eccole di seguito.

F24: cartaceo o online?

L’utilizzo dell’F24 cartaceo per i contribuenti privi di partita Iva è oggi consentito non solo oltre 1.000 euro (divieto introdotto nel 2014), ma anche oltre 3.000 euro. Questo significa che il contribuente “privato”, che non sia azienda, libero professionista o autonomo – in altre parole, chi non ha la Partita Iva – potrà pagare le tasse ricorrendo al modello F24 cartaceo, indipendentemente dall’importo da versare, e sempre a condizione che non siano previste compensazioni.

Per il contribuente titolare di partita Iva, invece, è sempre obbligatorio l’F24 telematico anche per importi inferiori a 1.000 euro senza compensazioni. A tal proposito, i versamenti con modalità telematiche possono essere effettuati:

  • direttamente:
  • mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (“F24 web” e “F24 online”) utilizzando i canali Entratel o Fisconline;
  • mediante i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia (banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione, prestatori di servizi di pagamento);
  • tramite gli intermediari (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc…) che:
  • sono abilitati al canale telematico Entratel dell’Agenzia delle Entrate e aderiscono a una specifica convenzione con la medesima Agenzia (servizio “F24 cumulativo”);
  • sono abilitati al canale telematico Entratel dell’Agenzia delle Entrate e utilizzano il servizio “F24 addebito unico”;
  • si avvalgono dei servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia.

I contribuenti non titolari di partita Iva, solo se non ci sono compensazioni, possono utilizzare, per il pagamento delle imposte, l’F24 cartaceo a prescindere dall’importo (quindi anche per più di 1.000 euro e, addirittura, anche per somme oltre i 3.000 euro, limite come noto che esclude la possibilità di utilizzare il contante).

F24: dove pagarlo?

Da quanto detto, si comprende che i privati senza partita Iva potranno usare i modelli cartacei presso gli sportelli bancari, postali o dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando anche il contante, gli assegni, i vaglia, il bancomat e/o il postamat.

In sintesi, le ipotesi che potrebbero verificarsi per i contribuenti sono le seguenti:

  • F24 con saldo a zero per effetto di compensazioni: si può usare solo l’F24 telematico;
  • F24 con saldo positivo e presenza di compensazioni: si può usare solo l’F24 telematico;
  • F24 senza la presenza di compensazioni e con saldo di qualsiasi importo, quindi anche superiore a mille euro: è possibile utilizzare l’F24 cartaceo.

I contribuenti non titolari di partita Iva, che non sono obbligati al pagamento in via telematica, devono presentare il modello F24 presso:

  • qualsiasi sportello degli agenti della riscossione,
  • una banca,
  • un ufficio postale

e il versamento può essere effettuato in contanti o:

  • presso le banche con assegni bancari e circolari;
  • presso gli agenti della riscossione con assegni bancari e circolari e/o vaglia cambiari;
  • presso gli sportelli bancari e degli agenti della riscossione dotati di terminali elettronici idonei tramite carta Pagobancomat;
  • presso gli uffici postali con assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali, o carta Postamat.

I titolari di partita Iva, invece, devono usare obbligatoriamente il modello F24 telematico per tutti i pagamenti dal 1° gennaio 2007. Non solo: se vogliono compensare crediti Iva (annuali o dei primi tre trimestri), per importi superiori a 5.000 euro annui (10.000 fino al 31 marzo 2012) possono usare solo i servizi telematici delle Entrate e non quelli bancari o postali. Dal 1° ottobre 2014, poi, possono usare solo i servizi online delle Entrate per tutti gli F24 con “saldo finale” pari a zero (per effetto delle compensazioni effettuate), anche se non vogliono superare i 5.000 euro di credito Iva compensabile.

Dal 1° ottobre 2014, i contribuenti che non hanno partita Iva, per pagare imposte, contributi previdenziali e premi assicurativi (Inail) non possono recarsi in banca o in posta (o uno sportello dell’Agente della Riscossione) per pagare i modelli F24 che riportano crediti in compensazione. In questi casi, infatti, il pagamento può avvenire solo in via telematica, cioè inviando tramite internet il modello F24, con i servizi telematici delle Entrate (F24 web, F24 on-line, F24 cumulativo o F24 addebito unico), delle banche o delle poste.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube