Diritto e Fisco | Articoli

Oltraggio a Pubblico Ufficiale: non è reato se avviene in una strada privata

10 Settembre 2012
Oltraggio a Pubblico Ufficiale: non è reato se avviene in una strada privata

Reato di oltraggio a pubblico ufficiale solo se l’offesa è pronunciata in un luogo aperto al pubblico.

Non scatta il reato di oltraggio a pubblico ufficiale quando l’offesa è pronunciata in un luogo che non può considerarsi “aperto al pubblico”.

A stabilirlo è stato il tribunale di Caltanissetta con una recente sentenza [1]. Nello specifico, durante un diverbio tra due fratelli, uno dei litiganti ha accusato i carabinieri, nel frattempo intervenuti sul posto, di prendere le parti dell’altro litigante per via di una presunta amicizia. A detta dell’imputato, il fratello e i militari sarebbero stati “compagni di caccia”, circostanza peraltro smentita dagli stessi uomini delle forze dell’ordine.

Il Giudice, nonostante il riconoscimento del carattere offensivo della condotta per aver messo in dubbio l’imparzialità e l’onorabilità dei carabinieri, ha assolto l’imputato. A mancare – secondo il Giudice – è un elemento necessario affinché si possa commettere il reato di oltraggio [2]: ossia che l’offesa venga pronunciata in un luogo pubblico o aperto al pubblico [3].

Nel caso in esame, invece, l’offesa era avvenuta nei pressi di una strada sterrata di pertinenza dei proprietari, i quali avevano la facoltà di escluderne il passaggio a chiunque. Proprio per questo detto sito non poteva considerarsi “luogo aperto al pubblico”.

di BIAGIO FRANCESCO RIZZO


note

[1] Trib. Caltanissetta, sent. 11 gennaio 2012.

[2] 341-bis c.p.: Oltraggio a pubblico ufficiale.

[3] Per luogo pubblico si intende uno spazio pubblico a cui può accedervi chiunque senza alcuna formalità (ad es. strade, piazze, parchi, spiagge). Per luogo aperto al pubblico si intende uno spazio in cui vi si può accedere ma con delle limitazioni stabilite dal proprietario o dalla legge (ad es. orario d’apertura, il pagamento di un biglietto d’ingresso, l’obbligo d’iscrizione ad un’associazione che lo gestisca).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube