Diritto e Fisco | Articoli

Che cosa non posso portare allo stadio?

2 febbraio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 febbraio 2017



Bastoni, bombe carta, fumogeni, pietre. Ma anche troppe monetine, ombrelli o striscioni offensivi. Ecco le cose da lasciare a casa quando si va a alla partita.

Chi si ritiene un vero tifoso di calcio dovrebbe portare allo stadio pochissime cose: la sciarpa ed il cappellino della propria squadra e, soprattutto, tanta voglia di vedere 90 minuti di spettacolo puro nel rispetto dell’avversario. Poco più.

Chi si ritiene un vero tifoso di calcio dovrebbe, però, lasciare a casa tutte quelle cose che minano la sicurezza e l’integrità degli altri spettatori. Anche perché, ai cancelli di ingresso, gli verranno requisiti dagli addetti alla sicurezza. Quali sono quegli oggetti? Che cosa non posso portare allo stadio?

Per definizione, non posso portare allo stadio qualsiasi oggetto contundente o qualsiasi cosa possa scatenare una rissa all’interno dell’impianto sportivo. Vediamo nel dettaglio.

Quali oggetti contundenti non posso portare allo stadio

Gli oggetti contundenti che non posso portare allo stadio sono quelli che possono fare veramente male ad un altro tifoso, ad un giocatore o a chiunque si trovi all’interno dello stadio anche mediante il loro lancio. Sono quegli oggetti denominati “idonei all’offesa”. Si tratta di:

  • lattine di alluminio o bottiglie di vetro o di plastica. Nel 1977, per citare un caso, durante una gara di qualificazione per i Mondiali di Argentina ’78 tra l’allora Jugoslavia e la Spagna, l’attaccante spagnolo Juanito venne colpito alla testa da una bottiglia di vetro lanciata dagli spalti. Risultato: commozione cerebrale e tanta paura;
  • monetine in quantità non giustificata o di valuta non corrente. Questo dice il Regolamento dell’Osservatorio nazionale per le manifestazioni sportive. In realtà, non tutto dipende dalla quantità di monete che si ha in tasca ma dalla mira del tifoso malintenzionato. Chiedetelo ad Alemao, il centrocampista brasiliano del Napoli dell’era Maradona. Una monetina lanciata dagli spalti dello stadio dell’Atalanta lo centrò in piena testa. 2-0 a tavolino e scudetto ai partenopei pieno di polemiche. Ma questa è un’altra storia;
  • viti, dadi e biglie. Come non ricordare la famosa biglia lanciata a Beppe Bergomi negli anni ‘80 a Madrid durante un’eliminatoria di Coppa Uefa tra Real e Inter?;
  • ombrelli con o senza punta acuminata. Vuol dire che, in caso di pioggia, l’ombrello si lascia all’ingresso (sperando di ritrovarlo dopo il fischio finale) e all’interno si porta un impermeabile col cappuccio per non prendere l’acqua;
  • bastoni e aste per bandiere che non siano di materiale pieghevole non scheggiabile, vuote all’interno e leggere. Quelle, cioè, di plastica, ad anima vuota e non massicce le posso portare allo stadio. Quelle di legno o di ferro no;
  • accendini, chiavi sfuse o mazzi con portachiavi voluminosi, cinture con fibbie di metallo o borchie;
  • macchine fotografiche o videocamere (a meno che non si abbia il permesso della società). In realtà questo divieto sembra superato dallo smartphone, consentito allo stadio ed in grado di filmare o fotografare. Inoltre, raramente un tifoso lancerà il proprio cellulare all’arbitro per un rigore non fischiato;
  • bombe carta, petardi, fumogeni o qualsiasi materiale esplosivo, così come pietre, coltelli o qualsiasi tipo di arma;
  • puntatori di fasci di luce al laser. Sono diventati di moda per confondere i giocatori quando stanno per lanciare un rigore o una punizione pericolosa.

Da precisare, comunque, che ogni Società di calcio ha un regolamento che riguarda il proprio stadio, gli oggetti da portare o non portare, oltre a quelli elencati sopra, che interessano tutti gli impianti sportivi.

Quali striscioni o bandiere non posso portare allo stadio?

Certo, l’avversario non lo si colpisce soltanto fisicamente ma anche nel suo ego, nel suo orgoglio. Gran parte delle risse negli stadi nasce da una provocazione. Dopo, e solo dopo, entrano in gioco biglie, monete, bastoni, bombe carta e quant’altro.

Per cercare se non di risolvere il problema alla radice ma, almeno, di diminuire i rischi, non posso portare allo stadio:

  • striscioni non autorizzati preventivamente dal Gos., cioè dal Gruppo operativo di sicurezza;
  • bandiere, sciarpe o altri mezzi di comunicazione del tifo con frasi o singole espressioni estranee alla competizione sportiva. Nessun riferimento offensivo o politico, insomma, che possa provocare l’avversario;
  • la maggior parte delle società vietano anche trombette, megafoni, tamburi e qualsiasi mezzo di diffusione sonora del tifo. Basta urlare in coro, il giocatore se ne accorge.

Oggetti vietati allo stadio: cosa rischio

Il solo possesso di uno degli oggetti che non posso portare allo stadio comporta l’allontanamento dell’impianto. Non solo: verrò cacciato dallo stadio se lascio senza motivo il mio posto a sedere, se inneggio cori razzisti, violenti oppure offensivi, se manco al rispetto e alla dignità delle persone, se reco disturbo agli altri spettatori.

Nei casi più gravi o evidenti (un episodio lampante di violenza) rischio l’arresto e il Daspo, cioè il divieto di accesso alle manifestazioni sportive per il periodo di tempo che verrà stabilito dall’autorità giudiziaria in base alla gravità dell’episodio. Da quel momento in poi, il calcio solo in tv. Purtroppo per il vicino di casa.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Scusi la domanda, ma la bandiera Cubana si può portare all’interno degli stadi o no? Grazie della collaborazione in anticipo.

  2. Domanda: è lecito portare nei palazzetti dello sport o negli eventi all’aperto (partite di basket, pallavolo, concerti, ecc.) pettorine o lettere di cartoncino leggero 50×70 cm per formare frasi ed incitare la squadra (senza ingiurie agli avversari) o per festeggiare il cantante?
    Attendo risposta. Grazie.

  3. Al cinema c’è più libertà. Ci volete tutti rammolliti e con la testa china a mangiare pop corn e a bere coca cola

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI