Diritto e Fisco | Articoli

Dichiarare che il prezzo di vendita della casa è più alto del reale

16 Febbraio 2017
Dichiarare che il prezzo di vendita della casa è più alto del reale

Voglio vendere un appartamento. Il compratore mi ha chiesto di firmare una dichiarazione in cui sostengo che il prezzo è maggiore rispetto a quello pattuito. Non è reato?

La richiesta pervenuta al lettore è volta all’ottenimento di un mutuo bancario per l’intero prezzo di acquisto dell’appartamento, tentando maldestramente di rappresentare un prezzo di vendita superiore a quello reale. Pochi dubbi possono sussistere circa l’inquadramento giuridico della questione: si tratta di un tentativo di truffa ai danni dell’istituto di credito che dovrebbe erogare il mutuo.  Lo stesso istituto di credito sarebbe, evidentemente, il soggetto cui spetterebbe la facoltà di querelare formalmente il promittente acquirente per il suo comportamento delittuoso che, è opportuno evidenziarlo, fino a quando resta solo a livello progettuale – senza il compimento di atti specifici – non è ancora penalmente rilevante. Si puniscono le azioni e non le intenzioni.

Ove mai il lettore decidesse di sottoscrive la falsa dichiarazione commetterebbe, non solo, quello che prima della recente abrogazione [1] era il reato di falso in scrittura privata (è appena il caso di sottolineare che se pur è venuta meno l’ipotesi di reato resterebbe sempre una responsabilità di tipo civilistico) ma sarebbe responsabile, in concorso con il promittente acquirente ed il suo broker, per il reato di tentata truffa.

Il consiglio è, pertanto,  quello di evitare di rendere qualsivoglia falsa dichiarazione (oltretutto sarebbe un’attività che potrebbe giovare solo il promittente acquirente) e, nel caso in cui la richiesta dovesse essere riproposta insistentemente denunciare il tutto ai carabinieri.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Antonio Ciotola


note

[1] D. lgs. n. 7 del 15.01.2016.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube