Business | Articoli

Assunzioni agevolate al Sud: solo disoccupati e giovani

17 Novembre 2016
Assunzioni agevolate al Sud: solo disoccupati e giovani

La decontribuzione sarà limitata per il 2017, ecco le categorie interessate dagli incentivi per l’assunzione. 

Gli incentivi del Jobs Act potranno essere riconfermati per il 2017, ma come avevamo ampiamente anticipato, saranno limitati in termini di categorie di destinatari e in base alla localizzazione dell’azienda.

Ecco i dettagli.

Confermati gli incentivi al Sud

Sono confermati con la legge di stabilità 2017 gli incentivi per la decontribuzione per chi assume al Sud Italia. Lo ha annunciato il Premier Matteo Renzi a Caltanissetta, durante un incontro con i sindaci del territorio.

L’impatto sulla manovra sarà di 730 milioni di euro. La decontribuzione per le nuove assunzioni a tempo indeterminato al Sud nel 2017  – come ha confermato Poletti da ultimo – varrà solo per i giovani e i disoccupati.

Chi si può assumere con gli incentivi di decontribuzione al Sud

L’importo totale degli incentivi sarà fino ad un massimo di 8.060 euro per 12 mesi per gli imprenditori delle regioni meridionali che, nel 2017, assumeranno a tempo indeterminato o in apprendistato giovani tra i 15 ed i 24 anni, e disoccupati con più di 24 anni privi di impiego da almeno sei mesi.

Sono attesi nei prossimi giorni gli atti amministrativi per assicurare l’operatività di questa misura dal primo gennaio.

Possibilità per Garanzia Giovani

Qualora l’UE rifinanzi il programma Garanzia Giovani, si prevede che gli incentivi possano essere estesi anche a favore delle aziende che volessero assumere giovani in uscita dal percorso di formazione lavoro. Al riguardo ci sono buone aspettative, ma ancora nessuna certezza.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube