Diritto e Fisco | Articoli

Affitto, chi paga la spazzatura?

2 Febbraio 2017


Affitto, chi paga la spazzatura?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 Febbraio 2017



Il pagamento della tassa sui rifiuti spetta al locatore, ossia al padrone di casa, oppure al conduttore, ossia l’inquilino?

La Tari (ex Tarsu), ossia l’imposta sulla spazzatura è dovuta da chiunque possieda o detenga, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Quindi

  • in caso di affitto, il versamento della Tari è dovuto dall’affittuario;
  • in caso di locazione, il versamento spetta all’inquilino;
  • in caso di usufrutto, il versamento dell’imposta sui rifiuti spetta all’usufruttuario;
  • in caso di diritto di abitazione (ad esempio l’ex moglie cui il giudice abbia riconosciuto l’appartamento per via della presenza di figli non ancora autosufficienti; si pensi anche al coniuge superstite dopo la morte del proprietario dell’appartamento), il versamento della Tari spetta al titolare di tale diritto (negli esempi di prima la moglie);
  • in caso di comodato gratuito, a dover effettuare il pagamento della Tari è il comodatario.

In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti «in solido» al pagamento dell’imposta. Questo significa, ad esempio, che se un appartamento è stato dato in affitto a più persone, il Comune potrà pretendere l’integrale versamento dell’imposta da ciascuna di queste, salvo poi il diritto per quest’ultima di farsi restituire dagli altri le rispettive quote.

 

In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 6 mesi nel corso dello stesso anno solare, la Tari è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione o superficie (e non, quindi, dall’utilizzatore).

Invece, nel caso di utilizzi inferiori a 6 mesi ma non di carattere temporaneo (es. locazione quadriennale che inizia ad ottobre), la TARI è dovuta dall’utilizzatore per tutta la durata della detenzione (Nota IFEL 1o settembre 2014).

 

Se l’inquilino non paga l’imposta sulla spazzatura, il Comune non può pretenderne il pagamento dal padrone di casa. Quest’ultimo, infatti, non è un coobbligato con il detentore dell’appartamento e non risponde del suo inadempimento. Pertanto, se il conduttore non dovesse pagare la quota annuale della spazzatura, l’amministrazione finanziaria avvierà nei suoi confronti le procedure di riscossione forzata (pignoramenti, fermo auto, ecc.), ma non potrà rivalersi su altri soggetti.

Se il padrone di casa, una volta ritornato nel possesso del proprio appartamento, dovesse ricevere cartelle di pagamento per il mancato pagamento dell’imposta sui rifiuti da parte dell’inquilino non è tenuto a ricevere la raccomandata e potrà restituirla all’amministrazione-mittente.

Se l’inquilino non abita più l’appartamento perché lo ha lasciato di fatto, ma senza comunicare alcuna disdetta del contratto di affitto al padrone di casa – il quale, pertanto, continua a pagare l’Irpef sui canoni di affitto non percepiti – sarà comunque tenuto a pagare la Tari. Il locatore torna ad essere obbligato al versamento dell’imposta solo nel momento in cui il contratto scade formalmente o avviene lo sfratto o il recesso.

Il contratto di affitto potrebbe anche prevedere che l’imposta sui rifiuti gravi unicamente sul padrone di casa e non sull’inquilino, ma tale accordo avrà valore solo tra le parti e non per l’amministrazione finanziaria, la quale dovrà continuare a chiedere l’imposta al solo inquilino. Per cui, se il locatore non dovesse restituire i soldi al conduttore quest’ultimo, restando tenuto a versare la Tari, potrà tutt’al più ottenere nei suoi confronti un decreto ingiuntivo.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

10 Commenti

  1. Buongiorno,se sul contratto di locazione c’è scritto che nella quota mensile la tassa comunale sui rifiuti è a carico del locatore così come anche le utenze acqua luce gas in caso il locatore non pagasse cosa si rischia ? e in caso di distacchi per morosità come ci si può tutelare? grazie mille

  2. Buongiorno
    Se, invece, il contratto di locazione di è concluso (in accordo) ma l’ex affittuario non ha mai richiesto il cambio di residenza?

  3. Buon giorno scusate io nel contratto di affitto ho scritto che la spazzatura la paga la titolare di casa ma mi è arrivata a mio nome come mi devo ci portare ??? Grazie

  4. Buongiorno, ho abitato in un appartamento per circa 8 mesi dal 1° di maggio al 31 dicembre 2015 ( gli ultimi due non ci sono mai neanche stata in quanto mi ero già trasferita altrove) prendendoci il domicilio ( ma non la residenza) e facendomi intestare quindi le bollette ecc. A luglio 2015 ho pagato la prima parte di tardi ( ricordo che io ero lì da appena due mesi). la seconda parte doveva essere pagata a novembre 2015 ma io già non ci stavo più e se non mi ricordo male, avevo già dato al padrone di casa il foglio F24 per il pagamento della seconda parte. A distanza di due anni mi vedo recapitare una raccomandata per il pagamento della seconda parte della tari. Come dovrei comportarmi? devo pagare per forza io? non ho fatto disdette scritte per il contratto di affitto, ma l ho comunicato al proprietario a voce.grazie

  5. buon giorno ho affitato casa con cotratto annuale prima era di affitto trasiutorio e quindi la tassa arrivava ame ora e annuale maconresidenza da parte degli inquilini e la tgassa arriva lostesso a me perche mi hanno detto che deve essere superiore ai 18 mesi il contratto io penso sia una stupidata perche se hanno la residenza devono mandare la cartella esattoriale agli inquilini qualcuno mi puo aiutare a capire

  6. Fino a 3 anni fa con me e mio marito abitavano anche le figlie, attualmente abitano fuori regione essendo studentesse con regolare contratto di affitto durata 12 mesi con rinnovo annuale. Il quesito è semplice nel paese di residenza (di tutto il nucleo familiare) continuiamo a pagare la Tari come nucleo di 4 persone anziché 2,nonostante abbiamo fatto presente che di fatto le figlie vivono fuori. In effetti a produrre rifiuti siamo in 2 ma paghiamo per 4. Cosa si deve fare? Possibile che il Comune sia autorizzato a non tener conto della variazione di domicilio dei membri di una famiglia?

  7. devo pagare le tasse immondizia io che sono intestate al mio titolare che a ancora la residenza sul appartamento che dove io pago l’affitto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI