HOME Articoli

Lo sai che? Non è reato l’uso della scrittura privata falsa

Lo sai che? Pubblicato il 3 febbraio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 febbraio 2017

Realizzare una scrittura privata falsa o fare uso di un atto falso non costituisce più reato.

Se hai falsificato un contratto o stai utilizzando il tagliandino dell’assicurazione che sai essere falso, non preoccuparti: la famosa legge sulla depenalizzazione (in vigore dal 2016) [1] si applica anche a te! Ciò significa che non potrai essere denunciato e processato perché falsificare una scrittura privata o utilizzare un atto falso non sarà più punito penalmente (cioè con la pena della reclusione), ma soltanto con una sanzione civile.

È quanto ha chiarito la Cassazione con una sentenza di ieri [2] nella quale, oltre a confermare che non è più reato realizzare una scrittura privata falsa [3] (come, ad esempio, un contratto di affitto tra le parti), ha precisato che non è più illecito penale neanche l’uso di un atto falso [4]. Ciò non solo per il tenore letterale della norma, ma anche perché sarebbe illogico punire Tizio che usa l’atto falsificato da Caio e non anche Caio che l’ha materialmente falsificato.

Cos’è la depenalizzazione?

Nel 2016 il governo ha depenalizzato una serie di reati prevedendo per alcuni (tra cui quelli puniti con la sola ammenda o la sola pena pecuniaria) l’invio degli atti all’autorità amministrativa competente e per altri (come l’ingiuria, la scrittura privata falsa o l’uso dell’atto falso) la condanna ad una sanzione civile pecuniaria (che varia da euro cento ad euro 8.000 ovvero da euro duecento ad euro 12.0000.

L’entità della sanzione pecuniaria varia in funzione:

  • della gravità della violazione;
  • della reiterazione dell’illecito;
  • dell’arricchimento del soggetto responsabile;
  • dell’opera svolta dall’agente per la eliminazione o attenuazione delle conseguenze dell’illecito;
  • della personalità dell’agente;
  • delle condizioni economiche dell’agente.

Le sanzioni pecuniarie civili sono applicate dal giudice civile competente per il risarcimento del danno che può consentire una rateazione. Tali sanzioni non si trasmettono agli eredi.

Il fatto che sia prevista una punizione, seppure solo economica e di natura civilistica, significa che il legislatore non ha deciso di riconoscere liceità ai comportamenti che poco prima aveva voluto punire, ma ha ravvisato la necessità di distinguere i fatti più gravi (da punire ancora con condanne severe comminate all’esito di un processo penale) dai fatti meno gravi (come l’ingiuria, gli atti osceni, l’uso di atto falso), da punire solo con una condanna civile o amministrativa.

A chi viene applicata la depenalizzazione?

Il dubbio più frequente è: ma questa nuova disciplina si applica anche a me che ho commesso il reato molto tempo fa? La risposta è sì, perché la nostra legge prevede che debba essere applicata sempre la legge più favorevole al colpevole [5].

Questo significa che:

  • se nel 2010 hai commesso un reato ed oggi entra in vigore una nuova legge che dice che quel reato non esiste più, la tua condanna potrà essere cancellata;
  • se nel 2010 hai commesso un reato per il quale era prevista una certa pena ed oggi entra in vigore una legge che prevede una pena molto più bassa (se il processo non è completamente finito) il giudice dovrà applicarti la legge minore.

note

[1] D. Lvo n. 7 ed 8 del 2016.

[2] Cass. sent. n. 4951 del 2.02.2017

[3] Art. 485 cod. pen.

[4] Art. 489 cod. pen.

[5] Art. 2 cod. pen.

Se nel 2010 i carabinieri ti hanno fermato alla guida di un’auto ed hanno scoperto che la tua assicurazione era falsa, non potrai più essere condannato perché questo fatto non costituisce più reato. E se sei stato già condannato potrai chiedere (addirittura) la cancellazione della sentenza perché il fatto non costituisce più reato.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Quindi, se una signora anziana viene raggirata da uno dei figli che falsifica una scrittura privata, con la quale azzera il CC ed il patrimonio della madre a danno della stessa madre e dell’altro figlio (suo fratello)….. non viene punito? Nel frattempo si è goduto tutto, lasciando nulla agli altri.
    Questo è scandaloso!
    Allora, correggetemi: falsifico un testamento, o una procura per vendere tutto il patrimonio di una persona, che essendo malata non sa nulla e non può fare nukla prendo tutto, me lo godo e sono intoccabile. I soldi ormai li ho spesi o sotterrati e sonon pulitissimo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI