Diritto e Fisco | Articoli

Avviso di accertamento nullo se la delega di firma non è valida

6 Febbraio 2017 | Autore:
Avviso di accertamento nullo se la delega di firma non è valida

Vizio di sottoscrizione dell’avviso di accertamento: quando la delega al funzionario è considerata valida.

L’avviso di accertamento relativo ad imposte sui redditi e di Iva è nullo se non risulta sottoscritto dal direttore dell’ufficio o da altro dipendente validamente delegato.

L’onere di provare l’esistenza della delega incombe sull’ufficio e non sul contribuente.

Inoltre, all’ufficio non basta produrre in giudizio la delega ma occorre anche che questa sia valida. Difatti, secondo i giudici, la delega non motivata e priva di un termine di validità, è da intendersi non idonea a rendere legittima la sottoscrizione da parte di un soggetto diverso dal direttore dell’ufficio, con conseguente nullità dell’accertamento.

È quanto affermato da una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Milano [1].

La legge [2] stabilisce che gli accertamenti in rettifica e gli accertamenti d’ufficio sono portati a conoscenza dei contribuenti mediante la notificazione di avvisi sottoscritti dal capo dell’ufficio o da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.

Gli accertamenti sono quindi nulli tutte le volte che gli avvisi nei quali si concretizzano non risultino sottoscritti dal capo dell’ufficio emittente o da un impiegato della carriera direttiva (addetto a detto ufficio) validamente delegato dal reggente di questo.

Ne consegue che la sottoscrizione dell’avviso di accertamento – atto della Pubblica Amministrazione a rilevanza esterna – da parte di funzionario diverso (il capo dell’ufficio emittente) da quello istituzionalmente competente a sottoscriverlo o da parte di un soggetto da detto funzionario non validamente ed efficacemente delegato non soddisfa il requisito di sottoscrizione previsto a pena di nullità dell’accertamento [3].

Come riconosciuto più volte dalla Cassazione, se la sottoscrizione non è quella del capo dell’ufficio ma di un funzionario, incombe all’Amministrazione Finanziaria dimostrare, in caso di contestazione, l’esercizio del potere sostitutivo da parte del sottoscrittore o la presenza della delega del titolare dell’ufficio.

La delega può essere conferita con atto proprio o con ordine di servizio ma, per essere valida, deve indicare:

  • le motivazioni della delega (per esempio carenza di personale, assenza, malattia ecc.);
  • il termine di validità della delega;
  • il nominativo del soggetto delegato.

In mancanza di tali requisiti la delega è illegittima, con conseguente nullità dell’avviso di accertamento [4].

Si ricorda che il vizio di sottoscrizione dell’avviso di accertamento deve essere eccepito tempestivamente nell’atto introduttivo del giudizio di impugnazione; la nullità dell’avviso di accertamento per la mancanza di uno degli elementi essenziali (come appunto la sottoscrizione valida) non è rilevabile d’ufficio dal giudice e non può essere sollevata nei gradi di giudizio successivi al primo.


note

[1] CTP Milano sent. n. 83/29717.

[2] Art. 42 D.P.R. 600/1973.

[3] Cass. sentt. n. 14942/2013 e n. 17400/2012.

[4] Cass. sentt. n. 22803/2015 e 25280/2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube