HOME Articoli

Lo sai che? Segatura e truciolati del legno vanno smaltiti

Lo sai che? Pubblicato il 7 febbraio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 febbraio 2017

Gli scarti di lavorazione del legno sono rifiuti e la loro cessione per lo smaltimento deve avvenire con le dovute autorizzazioni.

Segatura e truciolati del legno sono considerati, dalla legge, alla stregua di «rifiuti»; per cui il loro smaltimento può avvenire solo ad opera di soggetti muniti delle apposite autorizzazioni amministrative. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1] che, peraltro, riprende un orientamento già ribadito in passato [2].

La vicenda riguarda un uomo condannato per aver smaltito gli scarti della lavorazione del legno, come appunto segatura e truciolati, cedendoli a una ditta non autorizzata a gestire i rifiuti. L’uomo aveva pagato una ditta per disfarsi di tali residui, senza verificare se questa fosse munita delle autorizzazioni comunali alla gestione dei rifiuti.

Per smaltire la segatura ci vuole la licenza

In base alla legge è rifiuto qualsiasi cosa di cui «il detentore si disfi» oppure abbia «l’intenzione o l’obbligo di disfarsi»: proprio ciò che accade con gli scarti di lavorazione. Sta dunque all’interessato dimostrare che invece si tratta di un sottoprodotto, vale a dire che sarà utilizzato in seguito nel processo di produzione senza altri trattamenti diversi dalla normale pratica industriale, e provare che l’ulteriore impiego è legale.

Dunque, l’unico modo per poter evitare il reato è di dimostrare che l’oggetto affidato alla ditta non sia un rifiuto ma un «sottoprodotto», sia cioè destinato a una ulteriore lavorazione secondo quanto chiarito dal Testo Unico sull’edilizia [3]. Senonché, chiarisce la sentenza, non è l’accordo tra due soggetti, a definire cosa si possa considerare sottoprodotto e cosa, invece, rifiuto. Quel che occorre, invece, è “verificare a monte” il rapporto tra il prodotto e il suo produttore e, soprattutto, la sua necessità o volontà di disfarsi del bene.

Le cose non cambiano neanche nel caso in cui la ditta di smaltimento abbia svolto l’incarico gratuitamente o, addirittura, abbia pagato per ottenere tale materiale perché gli attribuisce una valore economico. Bisogna invece verificare prima la volontà/necessità del produttore di disfarsene. Altrimenti si finirebbe per legittimare accordi dolosamente volti a privare il bene di una particolare qualità – quella di rifiuto, che invece gli è propria.

Pertanto, nel momento in cui un rifiuto diventa tale, il conferimento deve essere effettuato da soggetti debitamente autorizzati alla relativa gestione. La Corte ribadisce, quindi, che la segatura e il truciolato sono scarti di lavorazione e vanno trattati alla stregua di normali rifiuti, quindi smaltiti attraverso le procedure previste dalla legge, con incarico affidato a soggetti muniti delle dovute licenze.

note

[1] Cass. sent. n. 5442/17 del 6.02.2017.

[2] Cass. sent. n.. 51422/2014; 37208/2013; 48809/2012; 18743/2011.

[3] Art. 184-bis, Dlgs 152/2006: « . È un sottoprodotto e non un rifiuto ai sensi dell’articolo 183, comma 1, lettera a), qualsiasi sostanza od oggetto che soddisfa tutte le seguenti condizioni:

a) la sostanza o l’oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto;

b) è certo che la sostanza o l’oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi;

c) la sostanza o l’oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale;

d) l’ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l’oggetto soddisfa, per l’utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell’ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o la salute umana.

Sulla base delle condizioni previste al comma 1, possono essere adottate misure per stabilire criteri qualitativi o quantitativi da soddisfare affinché specifiche tipologie di sostanze o oggetti siano considerati sottoprodotti e non rifiuti. All’adozione di tali criteri si provvede con uno o più decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, in conformità a quanto previsto dalla disciplina comunitaria.

2-bis. Il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 10 agosto 2012, n. 161, adottato in attuazione delle previsioni di cui all’articolo 49 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, si applica solo alle terre e rocce da scavo che provengono da attività o opere soggette a valutazione d’impatto ambientale o ad autorizzazione integrata ambientale. Il decreto di cui al periodo precedente non si applica comunque alle ipotesi disciplinate dall’articolo 109 del presente decreto».

Autore immagine: 123rf com

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 15 dicembre 2016 – 6 febbraio 2017, n. 5442

Presidente Ramacci – Relatore Mengoni

Ritenuto in fatto

1.Con sentenza dell’8/2/2016, il Tribunale di Asti assolveva Z.R. dalle imputazioni allo stesso ascritte ex artt. 81 cpv. cod. pen., 256, comma 1, lett. a), 279, comma 2, d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152, rispettivamente, perché il fatto non sussiste e per non aver commesso il fatto; con la prima imputazione, in particolare, era contestato – nella qualità di presidente del consiglio di amministrazione della “IPA s.r.l.” – di aver smaltito senza autorizzazione residui della lavorazione (trucioli e segatura), rifiuti non pericolosi, consegnandoli ad una ditta non autorizzata.

2.Propone ricorso per cassazione il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Asti deducendo – con unico motivo – l’inosservanza od erronea applicazione della legge penale. La sentenza avrebbe erroneamente negato ai citati scarti di lavorazione la natura di rifiuto, invero da riconoscere in quanto cosa – rectius: residuo di processo di produzione – di cui il detentore intende disfarsi, a prescindere dal carattere gratuito od oneroso di ciò; nel momento in cui il prodotto diventa rifiuto, dunque, la cessione ad altro soggetto non farebbe venir meno tale qualità, sì che il conferimento medesimo dovrebbe poter avvenire soltanto in forza delle dovute autorizzazioni. E senza che, peraltro, possa qui richiamarsi la disciplina in materia di sottoprodotto, della quale invero non ricorrerebbero i presupposti.

Considerato in diritto

3.Il ricorso è fondato.

Come noto, ai sensi dell’art. 183, comma 1, lett. a), d. lgs. n. 152 del 2006, rifiuto è qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o abbia l’obbligo di disfarsi; esattamente quel che accade con gli scarti di produzione, come nel caso di specie, salva la possibilità della diversa qualificazione in sottoprodotto, ai sensi dell’art. 184-bis, d. lgs. n. 152 del 2006, ricorrendone i rigorosi presupposti di legge, invero neppure ipotizzati nella sentenza impugnata (a: la sostanza o l’oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto; b) è certo che la sostanza o l’oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi; c) la sostanza o l’oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale; d) l’ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l’oggetto soddisfa, per l’utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell’ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o la salute umana).

Con particolare riferimento, poi, alla segatura ed ai truciolati, scarti delle lavorazioni in legno operate dalla “IPA s.r.l.”, la giurisprudenza di questa Corte ne ha costantemente affermato la natura di rifiuto (ex plurimis, Sez. 3, n. 51422 del 6/11/2014, D’Itri; Sez. 3, n. 37208 del 9/4/2013, Cartolano; Sez. 3, n. 48809 del 28/11/2012, Solimeno; Sez. 3, n. 18743 del 19/10/2011, Rosati, tutte non massimate), salvi i casi in cui il citato onere probatorio in senso contrario all’evidenza incombente sull’interessato – risulti soddisfatto.

Orbene, con riguardo al caso in esame, si osserva che il Tribunale di Asti è in effetti incorso nella denunciata violazione di legge, negando apoditticamente ai materiali in esame la qualifica di rifiuto non già con riguardo alla loro natura od alla loro destinazione in ragione delle intenzioni del detentore (in questo caso, coincidente con il produttore), ma facendo leva soltanto sul fatto che fossero costantemente cedute ad altra società dietro fatturato pagamento di danaro. Il che, però, come affermato dal Procuratore ricorrente, non risulta sufficiente per escludere la natura medesima di rifiuto, che, una volta acquisita in forza di elementi positivi (oggetto di cui il detentore si disfi, abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi, quale residuo di produzione) e negativi (assenza dei requisiti di sottoprodotto, ai sensi dell’art. 184-bis sopra citato), invero ravvisabili nel caso di specie, non vien certo perduta in ragione di un mero accordo con terzi ostensibile all’autorità (oppure creato proprio a tal fine), in questo caso sub specie di cessione a titolo oneroso, come se il negozio giuridico riguardasse l’oggetto stesso della produzione e non – come in effetti – proprio un rifiuto. Ciò, peraltro, a prescindere dal “valore” economico o commerciale di questo, specie nell’ottica di chi in tal modo ne entra in possesso a seguito di un accordo di natura privatistica; d’altronde, come affermato dal Procuratore ricorrente e già sostenuto da questa Corte (Sez. 3, n. 15447 del 20/1/2015, Napolitano, non massimata), nell’indagine in esame – volta all’accertamento dell’effettiva natura di rifiuto – si deve evitare di porsi nella sola ottica del cessionario del prodotto, e della valenza economica che allo stesso egli attribuisce (sì da esser disposto a pagare per ottenerlo), occorrendo, per contro, verificare “a monte” il rapporto tra il prodotto medesimo ed il suo produttore e, soprattutto, la volontà/necessità di questi di disfarsi del bene.

Opinare in termini diversi, al pari del primo Giudice, comporterebbe dunque la facile creazione di pericolose aree di impunità, nelle quali numerose condotte oggettivamente integranti una fattispecie di reato ben potrebbero esser dissimulate da accordi – dolosamente preordinati – volti a privare il bene di una particolare qualità, ex se rilevante sotto il profilo penale, invero già “a monte” acquisita ed insuscettibile di esser cancellata.

La sentenza impugnata, pertanto, deve essere annullata con rinvio, affinché il Tribunale di Asti verifichi compiutamente la natura del materiale di cui trattasi, con ogni penale implicazione, a prescindere dagli accordi che, con riguardo allo stesso, l’imputato abbia in effetti raggiunto con terzi soggetti.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata con rinvio al Tribunale di Asti in diversa composizione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI