Diritto e Fisco | Articoli

Cosa succede ad una persona che viene denunciata

8 febbraio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 febbraio 2017



Se sei stato denunciato per un piccolo reato potrai subire un processo, ma se la denuncia riguarda un reato grave rischi l’arresto.

Se sei stato querelato e ti stai chiedendo cosa può succederti, sappi che la risposta cambia in base al reato per il quale sei stato denunciato. Se, ad esempio, hai diffamato qualcuno o, nel corso di un litigio, gli hai procurato delle lievi lesioni, il pubblico ministero (dopo aver ricevuto la querela e, quindi, la notizia di reato) svolgerà le indagini necessarie per accertare che le accuse mosse nei tuoi confronti siano reali e, se ti riterrà colpevole, chiederà che tu sia processato (cioè, in gergo tecnico, presenterà la richiesta di rinvio a giudizio). Se, però, sei accusato di traffico di droga o di estorsione, il pubblico ministero (prima ancora di iniziare il processo) potrà chiedere al giudice (Gip) di arrestarti (cioè di applicare nei tuoi confronti una misura cautelare personale, come il carcere o gli arresti domiciliari).

Ma cerchiamo di capire nel dettaglio cosa accade ad una persona che viene denunciata.

Cosa accade dopo una denuncia?

Se denunci una persona per un fatto che (a tuo avviso) costituisce reato, innanzitutto è necessario che la notizia di reato che trasmetti alla procura della Repubblica con la tua denuncia – querela, non risulti infondata. Se, infatti, lo fosse il pubblico ministero dovrebbe chiedere al giudice (gip) l’archiviazione del procedimento [1].

In caso di richiesta di archiviazione, il giudice potrà:

  • accogliere la richiesta di archiviazione, chiudendo definitivamente il giudizio;
  • rigettare la richiesta ed obbligare il pubblico ministero a svolgere ulteriori indagini o a formulare il capo di imputazione per iniziare il processo [2].

Se hai denunciato un fatto serio (e fondato su elementi reali) il pubblico ministero inizierà le indagini per la ricerca della verità e, all’esito, chiederà che tu sia rinviato a giudizio (e, quindi, sottoposto ad un processo penale nel quale potrai difenderti dall’accusa ricevuta).

Cosa accade alla persona denunciata?

Se la denuncia riguarda un reato meno grave, punito con la pena non superiore nel massimo a cinque anni (come, ad esempio, un furto), le indagini seguiranno il loro corso e l’indagato ne verrà a conoscenza con la notifica dell’avviso della conclusione delle indagini da cui scaturirà un processo penale [3]. Le indagini hanno una durata massima di sei mesi (ovvero di un anno per alcuni delitti commessi per esempio per finalità di terrorismo o eversione dell’ordinamento costituzionale o per i delitti di fabbricazione o introduzione nello stato di armi da guerra) [4], prorogabili, a richiesta del pubblico ministero, nei casi di giusta causa o di particolare complessità delle indagini ovvero di oggettiva impossibilità di concluderle entro il termine di sei mesi [5].

Se la denuncia riguarda un reato più grave, come l’estorsione o il tentato omicidio, il pubblico ministero può chiedere al giudice per le indagini preliminari (Gip) di applicare al denunciato una misura cautelare.

Cos’è la misura cautelare?

Le misure cautelari  sono dei provvedimenti (provvisori e immediatamente esecutivi) che limitano la libertà personale di un soggetto (misura cautelare personale) o la disponibilità dei propri beni (misura cautelare reale).

Esse sono di tipo:
 personale  (divieto di espatrio, obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, allontanamento dalla casa familiare, divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, obbligo di comunicazione, divieto ed obbligo di dimora, arresti domiciliari e custodia cautelare in carcere), applicate in caso di sussistenza di gravi indizi di colpevolezza, rischio inquinamento delle prove, rischio di fuga, rischio di reiterazione del reato [6];
reale (sequestro conservativo o preventivo), applicate se vi è fondato motivo di ritenere che manchino o possano disperdersi le garanzie per il pagamento della pena pecuniaria o di altre somme dovute all’erario ovvero quando vi è pericolo che la libertà di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso o agevolare la commissione di altri reati [7].

Se qualcuno ti denuncia, a meno che non si tratti di un reato molto grave per il quale puoi rischiare l’arresto, non succede nulla fino a quando il pubblico ministero non conclude le sue indagini.

note

[1] Art. 408 cod. proc. pen.

[2] Art. 409 cod. proc. pen.

[3] Art. 415 bis cod. proc. pen.

[4] Artt. 405, 407 cod. proc. pen.

[5] Art. 406 cod. proc. pen.

[6] Artt.  275-285 cod. proc. pen.

[7] Artt. 316- 323 cod. proc. pen.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

10 Commenti

  1. mi chiamo manuel o 43 anni attualmente non o una occupazione faccio dei lavoretti qua e la dove capita abito a momento con mio babbo purtroppo ogni tanto fumo un po di erba giorni fa e sparita una bicicletta nel palazzo dove abito e i padroni moglie e marito lungo le scale dove tutti potevono sentire mi anno infamato e minacciato che se entro sera non avessi riportato la bicicletta avrebbero proceduto ad una denuncia .vorrei sapere cosa posso fare per diffendermi da questa ingiusta accusa grazie

  2. Buongiorno,ho un caro amico che lavora in un Ristorante . purtroppo una notte è entrato qualcuno con le chiavi ed ha preso delle mance dalla cassa.nel ristorante c’è una telecamera che ha ripreso il furto e anche se era a volto coperto si ha il sospetto sia stato lui.siccome la situazione economica del luogo di lavoro non è rosea ha timore di essere incolpato del furto . cosa rischia? Grazie

  3. Buongiorno, ho un caro amico che lavora in un Ristorante . purtroppo una notte è entrato qualcuno che ha rubato delle mance nella cassa.A lavoro sospettano sia stato lui perché la telecamera ha ripreso il furto cosa rischia? Grazie

  4. Mi chiamo Manola, io e mio marito 65 e 69 anni. 2 anni fà abbiamo venduto una villetta, a un’ ufficiale dei carabinieri, vittima di terrorismo, gli ultimi giorni, prossimi al contratto gli mancavano 21m.Euro, ci ha fatto una cambiale con scadenza dopo 12 mesi e una dichiarazione scritta e firmata. Alla scadenza l’avvocato ha scoperto non solo che non era più carabiniere ma lavorava x la Regione e che nell’arco dei 12 mesi aveva fatto altri debiti x cui prima di noi c’erano altri 7 pignoramenti , sia nella pensione che nella busta paga.
    Noi nell’ordinanza del giudice dovevamo cominciare a prendere qualcosa dal 2029. Si è LICENZIATO.
    A tutt’oggi continua a prenderci in giro dicendo che è un CARABINIERE e non è vero niente, i soldi ce li da un pò alla volta, dandoci da 2 anni false speranze.
    Cosa possiamo fare? possiamo denunciare. Grazie.

  5. Nel 2o13 ho perso una causa e sto pagando in quel periodo è venuta una collega testimoniando il falso finito il processo ho querelato la collega per falsa testimonianza da allora sono passati 3 anni anche avendo solecitato non o saputo più niente come devo comportarmi o muovermi grazie

  6. buonasera,sono una ragazza di 16 anni e vorrei andare a vivere con mio moroso di 18 e sua mamma,i miei genitori dopo due anni che sto insieme a lui ancora non accettano il fatto,e negli ultimi giorni sono successe un po’ di cose,tra cui mio padre mi ha alzato le mani,quindi ho deciso di andarmene,la mamma del mio ragazzo oggi ha parlato con l’avvocato e ha detto che loro potrwbbero essere denunciati per sequestro di persona anche se vado io da loro di mia spontanea volonta,cosa gli puo succedere a mio moroso e a sua mamma se vengono denunciati?

  7. ciao e da una vita che vado alle 19.20 da lunedi a sabato a cenar da mia madre e mi pice zufolar dopo il lavoro ma uno mi ha prima inveito contro e poi dato un pugno al petto mi ha farro cader rompendomi il braccio per la botta
    non so più andare avanti 🙁

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI