Diritto e Fisco | Articoli

Addebiti non autorizzati su carta di credito

1 marzo 2017


Addebiti non autorizzati su carta di credito

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 marzo 2017



Ho comunicato i dati della carta di credito in occasione di un acquisto online: devo preoccuparmi in caso di futuri addebiti non autorizzati o posso stare tranquillo?

Qualora si dovessero ricevere addebiti per servizi non richiesti, si sarebbe vittime del reato di truffa e si dovrebbe, di conseguenza, rivolgersi immediatamente ai carabinieri per sporgere denuncia e cercare di bloccare in banca il pagamento di queste somme.

Volendo evitare di bloccare la carta di credito e di richiederne una nuova, si può scrivere una mail alla direzione del sito venditore chiedendo la cancellazione dai loro sistemi dei dati intimando, comunque, di non ritrasmetterli a terzi. Non si può, però, negare il fatto che la soluzione che maggiormente sarebbe tutelante è quella di richiedere una nuova carta di credito.

Una volta disconosciuti i pagamenti e presentata denuncia alla autorità di polizia, la società emittente la carta di credito non dovrebbe far gravare sul lettore i pagamenti disconosciuti.

In conclusione, la scelta se continuare a detenere o meno la sua carta di credito può farla solo lui nella consapevolezza di tutti i rischi connessi.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Antonio Ciotola

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI