Diritto e Fisco | Articoli

Come sapere se un testo è copiato

8 Febbraio 2017
Come sapere se un testo è copiato

Come scoprire un plagio e le violazioni del diritto d’autore: ecco come verificare se una tesi, un articolo o qualsiasi altro testo è copiato da internet.

Oggi, a causa di internet, è molto facile incorrere in plagi e nella violazione del diritto d’autore: chiunque, infatti, con un semplice “copia e incolla” è in grado di duplicare i contenuti prodotti da altri siti, appropriandosene e sfruttandoli per i propri interessi. Ecco perché spesso c’è la necessità di verificare se un testo è originale oppure è stato copiato da internet.

Per sapere se un testo è copiato o meno da un sito dovresti, in teoria, utilizzare un sistema manuale, molto noioso e complicato: copiare, sulla stringa di ricerca di Google, ogni singola frase dello scritto incriminato: Google ti direbbe, di volta in volta, se, tra i suoi risultati, figurano link con lo stesso contenuto. Ma un sistema del genere non è in grado di certificare quali percentuali dello scritto sono copiate e quali no. Senza contare che, con i testi di grandi dimensioni, è necessario perdere molto tempo.

In alternativa, per verificare se un testo costituisce plagio e viola gli altrui diritti d’autore puoi utilizzare Plagiarism Checker, uno strumento facile e gratuito, presente su internet, accessibile a tutti e che non richiede registrazioni. Tutto ciò che devi fare è collegarti con il sito http://smallseotools.com/plagiarism-checker e copiare e incollare, nell’apposito box, il testo da verificare. Questo servizio ti consentirà di comprendere in unica schermata:

  • il sito da cui il testo è stato copiato;
  • nel caso di copiatura da più siti, i vari link da cui le singole frasi sono state copiate;
  • la percentuale di testo originale e quella che è frutto di plagio.

In questo modo è possibile scoprire eventuali tesi copiate, articoli giornalistici che, in realtà, sono frutto della farina del sacco altrui, e altre “magagne” che internet ha reso facilmente realizzabili.

Come utilizzare Plagiarism Checker

Per utilizzare Plagiarism Checker devi copiare e incollare il contenuto del testo da verificare (ad esempio un capitolo di una tesi di laura, un articolo, ecc.) nella casella di testo presente sulla pagina dello strumento, e quindi fare clic sul pulsante verde grande «Check plagio!». Bisogna aspettare qualche secondo in attesa che il testo venga sottoposto a scansione per contenuti duplicati.

Il testo immesso viene analizzato con cura con raffronti su tutto internet.

È molto probabile che vengano evidenziati in rosso, come contenuti duplicati, frasi di uso comune o testi ufficiali come norme di legge o citazioni ufficiali di altri autori.

Al termine della scansione, Plagiarism Checker vi offrirà tutti i collegamenti Google da cui è possibile individuare i siti vittima di copiatura. Se clicchi su tutte le linee rosse potrai scoprire la fonte originale del testo. Quando il test è completato, viene fornita anche una percentuale esatta che ti dice quanto originale o unico è l’articolo incriminato.

Grazie a Plagiarism Checker è possibile controllare i contenuti dal proprio sito web per assicurarsi che nessuno dei propri collaboratori abbia copiato da altre pagine o che i propri contenuti non siano stati copiati da altri siti.

Chi copia fa del male a sé stesso

Se si pubblica su internet un articolo copiato da un altro sito, anche solo in parte, o una pagina web che non è del tutto unica e originale, c’è un rischio elevato di essere piazzati sulla «lista nera» di Google e di altri motori di ricerca. In altre parole, il testo non viene restituito tra i risultati delle ricerche degli utenti. Quindi, se l’obiettivo è quello di avere una pagina web per promuoversi o far indicizzare, allora non bisogna utilizzare contenuti duplicati, ma è necessaria tutta la propria creatività.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube