HOME Articoli

Lo sai che? Bollo auto, cartella di pagamento illegittima dopo 3 anni

Lo sai che? Pubblicato il 8 febbraio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 febbraio 2017

Ho ricevuto una fermo amministrativo a causa di una cartella esattoriale per bollo auto di cinque anni fa: allo sportello mi hanno detto che la devo pagare perché la prescrizione è di 10 anni, ma ho letto su internet che è di 3. Di chi mi devo fidare?

Il bollo auto è un tributo che si prescrive dopo tre anni. Tuttavia, Equitalia ha spesso fatto valere, come proprio argomento a difesa delle cartelle notificate fuori termine, la tesi secondo cui la prescrizione di una cartella di pagamento non impugnata sarebbe sempre di 10 anni: essa infatti va equiparata a una sentenza definitiva, ossia a un titolo esecutivo di natura giudiziale. Questo significa che, secondo tale impostazione – peraltro sposata, in passato, da più di un tribunale – solo nell’ipotesi in cui il contribuente si muova per tempo contro la cartella per il mancato pagamento del bollo auto, e la impugni entro 60 giorni dalla sua notifica, questi potrà far valere la prescrizione di tre anni prevista dalla legge; mentre, qualora lasci decorrere i termini, non potrà dopo far valere la prescrizione (ad esempio in caso di un successivo pignoramento) se non prima di dieci anni.

Questa tesi è stata definitivamente bollata, pochi mesi fa, dalle Sezioni Unite della Cassazione [1], secondo cui, anche se la cartella non viene impugnata e diventa definitiva, la prescrizione resta quella prevista dalla legge per il singolo tributo in essa riportato. Quindi, nel caso del bollo auto, se l’automobilista non contesta la cartella entro 60 giorni e dopo più di tre anni riceve un atto di pignoramento o il fermo auto, la misura applicata nei suoi confronti è illegittima.

In buona sostanza, possiamo quindi dire che:

  • la cartella di pagamento è nulla perché caduta in prescrizione se viene notificata dopo 3 anni dal momento in cui il pagamento è dovuto. In particolare il termine inizia a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui il bollo deve essere versato. Così, ad esempio, per il bollo auto del 2015, la prescrizione si compie dal 1° gennaio del 2019. Questo significa che, nel 2017 si sono prescritti tutti i bolli auto non pagati nel 2013;
  • anche se la cartella per bollo auto non viene impugnata, il fermo auto o il pignoramento è nullo dopo 3 anni. Anche in questo caso, infatti, vale la prescrizione ordinaria e non quella decennale.

Dunque quanto affermato al lettore dallo sportello dell’Agente di Riscossione non corrisponde a verità e va aggiornato con l’ultimo orientamento della Cassazione che ha definitivamente risolto ogni dubbio sui termini di prescrizione del bollo auto.

note

[1] Cass. Sez. Unite, sent. n. 23397 del 18.11.16.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. salve, ho letto con interesse l’articolo perchè ho in arrivo una cartella di equitalia relativa ad un bollo del 2012. a chi mi devo rivolgere per l’annullamento? cosa mi consigliate? chi mi aiuta? grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI