HOME Articoli

Le Guide Familiari a carico 2017: requisiti e importi

Le Guide Pubblicato il 11 febbraio 2017

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 11 febbraio 2017

Chi può essere considerato familiare a carico? Quali sono le detrazioni Irpef?

Ai fini della dichiarazione dei redditi è importante prestare attenzione al prospetto relativo ai familiari a carico. L’avere un familiare fiscalmente a carico comporta infatti la detrazione dall’imposta Irpef per carichi di famiglia.

La detrazione per carichi di famiglia spetta dal mese in cui si sono verificate le condizioni previste fino al mese in cui tali condizioni cessano.

Se le detrazioni spettanti sono superiori all’imposta lorda diminuita delle detrazioni, viene riconosciuto un credito d’imposta pari alla detrazione che non ha trovato capienza nella stessa imposta.
Vediamo quando un familiare può essere considerato “a carico” del contribuente e quali sono gli effetti favorevoli dal punto di vista fiscale [1].

Chi può essere familiare a carico

Sono familiari a carico i membri della famiglia che nel periodo di imposta di riferimento (nel 2016 per la dichiarazione dei redditi da presentare quest’anno) hanno conseguito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

Il superamento di tale soglia comporta l’esclusione della possibilità di considerare il familiare fiscalmente a carico.

Nel calcolo della soglia di reddito complessivo di 2.840,51 euro rientrano:

  • il reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni;
  • le retribuzioni corrisposte da Enti e Organismi Internazionali, Rappresentanze diplomatiche e consolari, Missioni, Santa Sede, Enti gestiti direttamente da essa ed Enti Centrali della Chiesa Cattolica;
  • la quota esente dei redditi di lavoro dipendente prestato nelle zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto lavorativo da soggetti residenti nel territorio dello Stato;
  • il reddito d’impresa o di lavoro autonomo assoggettato ad imposta sostitutiva in applicazione del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità;
  • il reddito d’impresa o di lavoro autonomo assoggettato ad imposta sostitutiva in applicazione del regime forfetario per gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

Alcuni familiari sono considerati fiscalmente a carico anche se non convivono con il contribuente o risiedono all’estero:

  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • i figli (compresi i figli adottivi, affidati o affiliati) indipendentemente dall’età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito;

Possono essere considerati a carico anche altri familiari, a condizione che convivano con il contribuente o ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità giudiziaria, come per esempio:

  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato;
  • i nipoti;
  • i genitori (compresi quelli adottivi);
  • i generi e le nuore;
  • il suocero e la suocera;
  • i fratelli e le sorelle (anche unilaterali);
  • i nonni e le nonne.

Detrazioni coniuge a carico

In caso di coniuge a carico, si detraggono dall’Irpef per carichi di famiglia i seguenti importi:

  • 800 euro, diminuiti del prodotto tra 110 euro e l’importo corrispondente al rapporto fra reddito complessivo e 15.000 euro, se il reddito complessivo non supera 15.000 euro;
  • 690 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.000 euro ma non a 40.000 euro;
  • 690 euro, se il reddito complessivo è superiore a 40.000 euro ma non a 80.000 euro. La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 80.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 40.000 euro.

La detrazione è poi aumentata di un importo pari a:

  • 10 euro, se il reddito complessivo è superiore a 29.000 euro ma non a 29.200 euro;
  • 20 euro, se il reddito complessivo è superiore a 29.200 euro ma non a 34.700 euro;
  • 30 euro, se il reddito complessivo è superiore a 34.700 euro ma non a 35.000 euro;
  • 20 euro, se il reddito complessivo è superiore a 35.000 euro ma non a 35.100 euro;
  • 10 euro, se il reddito complessivo è superiore a 35.100 euro ma non a 35.200 euro.

Detrazioni per figli a carico

La detrazione prevista per ciascun figlio a carico è di 950,00 euro.

Tale detrazione è sostituita da:

  • 1220,00 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni;
  • 1.350,00 euro per ciascun figlio disabile di età superiore a tre anni;
  • 1.620,00 euro per ciascun figlio disabile di età inferiore a tre anni;

Se i figli a carico siano più di tre le detrazioni appena elencate sono aumentate di 200,00 euro per ciascun figlio.

La detrazione effettiva si ottiene moltiplicando la detrazione teorica per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 95.000 euro diminuito del reddito complessivo e 95.000 euro:

detrazione x (95.000 € – reddito complessivo) / 95.000.

Quale genitore ha i figli a carico?

La detrazione è ripartita nella misura del 50 per cento tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati o, previo accordo tra gli stessi, spetta al genitore che possiede un reddito complessivo più elevato.

In caso di separazione legale ed effettiva o divorzio, la detrazione spetta, in mancanza di accordo, al genitore affidatario.

Nel caso di affidamento congiunto o condiviso la detrazione è ripartita, in mancanza di accordo, nella misura del 50 per cento tra i genitori. Ove il genitore affidatario o, in caso di affidamento congiunto, uno dei genitori affidatari non possa usufruire in tutto o in parte della detrazione, per limiti di reddito, la detrazione è assegnata per intero al secondo genitore. Quest’ultimo, salvo diverso accordo tra le parti, è tenuto a riversare all’altro genitore affidatario un importo pari all’intera detrazione ovvero, in caso di affidamento congiunto, pari al 50 per cento della detrazione stessa.

In caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione compete a quest’ultimo per l’intero importo.

Se l’altro genitore manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, o se vi sono figli adottivi, affidati o affiliati del solo contribuente e questi non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, per il primo figlio si applicano, se più convenienti, le detrazioni previste per il coniuge a carico.

Detrazioni altri familiari a carico

La detrazione per altri familiari a carico (cioè diversi da coniuge non separato e figli) è pari a 750 euro, da ripartire pro quota tra coloro che hanno diritto alla detrazione, per ogni altra persona che convive con il contribuente o percepisca assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 80.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 80.000 euro.

note

[1] Art. 12 TUIR.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. Chiedo scusa, ho un’ amico che convive con la sua compagna da ventidue anni, hanno la residenza insieme dal medesimo periodo è lei non ha reddito. Lui ha diritto ad assegno famigliare?
    Cordiali saluti.

  2. sono titolare di un contratto di lavoro a tempo determinato ed ho sempre avuto i figli a carico al 100% mentre mio marito percepisce assegno nucleo familiare. Ora mi dicono che non è possibile questa cosa. Voi che ne pensate?

  3. Buongiorno, se una mamma ha un contratto di tirocinante può avere in carico fiscale i 2 figli? grazie

    1. Sì, le detrazioni spettano anche in caso di “contratto” di tirocinio, pur non trattandosi di un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato.

  4. io ho un figlio a carico nato il 01/10/2014, fino settebre 2017 prendevo 16,66per lui ma in busta paga di ottobre 13 centesimi, qualcuno puo dirmi il perchè o la legge non è uguale per tutti. grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI