Diritto e Fisco | Articoli

La polizia stradale può perquisire la mia auto?

12 febbraio 2017


La polizia stradale può perquisire la mia auto?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 febbraio 2017



Sono stato fermato da una volante della polizia per un sorpasso azzardato; poi mi ha chiesto di aprire il bagagliaio e si è messa a perquisire da capo a piedi l’auto. Poteva farlo?

Ogni volta in cui un automobilista viene fermato da una pattuglia della polizia ha il dovere di fermarsi immediatamente e consentire gli accertamenti del caso con i controlli di cui a breve parleremo. Diverso sarebbe se questi, vedendo l’auto della polizia prima con qualche metro di anticipo, cambi strada prima ancora dell’ordine di fermarsi: un comportamento del genere è ritenuto pienamente legittimo. Così come non è reato – ma solo illecito amministrativo – non fermarsi nonostante la paletta dello “stop” alzata, sempre a condizione che la fuga non venga fatta con modalità tali da creare pericolo per gli altri (ad esempio, accelerando o ponendo una guida a zig zag per seminare la polizia).

Dall’altro lato, il conducente ha il diritto a ricevere la contestazione dell’infrazione nell’immediatezza in cui ha violato la norma del codice della strada, ossia deve essere fermato subito per potersi difendere. Sono infatti casi eccezionali quelli che consentono la «contestazione differita» con l’invio della multa direttamente a casa (ad esempio: passaggio a incrocio col rosso; alta velocità su autostrade o altre strade individuate dal Prefetto ove lo stop immediato potrebbe costituire pericolo per la circolazione, ecc.).

Veniamo ora al comportamento da seguire quando si viene fermati dalla polizia e se è legittimo che questa possa perquisire l’auto. Il conducente è obbligato a fornire, su richiesta degli agenti, la patente e il libretto di circolazione. Non è tenuto a mostrare – se non ne è in possesso – altri documenti come carta d’identità, passaporto, codice fiscale o tessera sanitaria, non essendo necessari per la guida.

Gli agenti della polizia municipale, stradale, i carabinieri o la guardia di finanza hanno i poteri per procedere a ispezione dell’automobile fermata. Attenzione, non si tratta della perquisizione o della ispezione prevista dal codice penale ma della ispezione prevista dal codice della strada [1]. La perquisizione e l’ispezione previste dal codice penale, difatti, necessitano della preventiva autorizzazione del giudice.

In termini pratici questo significa che la polizia stradale può chiedere di aprire il portabagagli per vedere se c’è il triangolo di emergenza; può chiedere di verificare se le ruote sono lisce o meno; se la targa è in regola, ecc. Ma non può chiedere di aprire le valigie alla ricerca di un pacchetto di droga salvo ci sia il sospetto di tale reato.

Nel caso quindi dell’ispezione della polizia non serve un provvedimento dell’autorità giudiziaria. In ogni caso l’automobilista è tenuto a collaborare, evitando comportamenti conflittuali onde evitare il reato di resistenza a pubblico ufficiale. È diritto dell’automobilista chiedere spiegazioni dell’ispezione e cosa la polizia stia cercando.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

8 Commenti

  1. Il docu-mento, QUALSIASI esso sia va esibito e non fornito, (troppo vago) o consegnato ad alcuno. SOLO mostrato ed esibito.

    1. non è proprio così… gli operatori di polizia giudiziaria hanno la facoltà di fare dei controlli e tu hai l’obbligo di lasciare i tuoi documenti “nella disponibilità del pubblico ufficiale richiedente per il tempo necessario alla identificazione. Risponde, quindi, del reato di rifiuto di generalità il soggetto che, pur avendo esibito un proprio documento di identità, se ne riappropri prima che il pubblico ufficiale abbia avuto il tempo di procedere alla detta identificazione.” Cass. n. 8624/1997

      In sostanza non puoi mostrare un documento ad un carabiniere o rimetterlo in tasca senza che lui sia riuscito a fare i controlli. Egli infatti ha la facoltà di portare il tuo documento nella macchina di servizio per collegarsi con la centrale operativa per fare i controlli del caso.

  2. GLI STESSI SONO ANCHE AGENTI DI POLIZIA GIUDIZIARIA, E CONTROLLANO TUTTO QUELLO CHE VOGLIONO IN TALE VESTE,SENZA AVER BISOGNO NESSUNA AUTORIZZAZIONE ALCUNA

  3. Non vi sono le norme che caratterizzano i poteri che la sola guardia di finanza ha su strada, in servizio di Polizia stradale e altro, in zona di vigilanza doganale, di mare o di terra. Perquisizioni e visite doganali a mezzi, passeggeri e bagagli, con inversione dell’ onere della prova per i beni e oggetti trasportati. Inoltre, nei vostri commenti tra gli uffici di polizia ove si può presentare denuncia, non vengono citati i Comandi della Guardia di Finanza come uffici preposti a ricevere le denuncie o gli esposti. Attività che il Corpo svolge da sempre, non solo per lamentati reati e illeciti a competenza esclusiva della G.di F. , ma anche per reati e illeciti di competenza generale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI