Diritto e Fisco | Articoli

È possibile sapere il nome di chi ci denuncia?

6 Marzo 2017
È possibile sapere il nome di chi ci denuncia?

I vigili urbani mi hanno detto di presentarmi presso i loro uffici perché vi era una denuncia riguardo a uno scavo abusivo. Si può conoscere il nome di chi mi ha denunciato per agire per diffamazione?

Il consiglio pratico più utile da dare al lettore è quello di incaricare un avvocato di fiducia che l’accompagni sia presso il Comando da cui proviene l’avviso (per comprendere meglio di cosa si tratti) sia presso l’Autorità inquirente (pubblico ministero presso la locale Procura della Repubblica) già incaricata dell’esame della denuncia e/o querela.

Usualmente il nominativo di chi abbia presentato l’“esposto” non viene fornito dal Comando presso cui l’esposto stesso è stato presentato e potrebbe non essere conosciuto nemmeno recandosi presso la Procura. Infatti una ricerca nel cosiddetto registro degli indagati (più correttamente “registro delle notizie di reato” [1]) potrebbe non essere utile per conoscere il nome del denunciante o querelante se il pubblico ministero avesse disposto il segreto sulle iscrizioni per consentire lo svolgimento delle indagini in modo più protetto. Se così fosse, se cioè il pubblico ministero avesse disposto con decreto il segreto sulle iscrizioni, occorrerebbe attendere il termine delle indagini per poi poter liberamente accedere a tutte le notizie contenute nel registro degli indagati e connesse al nominativo del lettore. Se, invece, il segreto non vi fosse, sarà possibile conoscere fin da subito il nome del denunciante attraverso la consultazione di questo registro esistente presso l’ufficio del pubblico ministero.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte 


note

[1] Disciplinato dall’art. 335 cod. proc. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube