HOME Articoli

Editoriali Incidente stradale su strada pubblica o privata: quando c’è risarcimento?

Editoriali Pubblicato il 11 gennaio 2013

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 11 gennaio 2013

Non su tutte le strade si applicano le norme del codice della strada e, quindi, in caso di incidente, si è risarciti dall’assicurazione. In realtà, la distinzione non è così netta; per cui vale la pena chiarire l’argomento.

In generale, è sbagliato pensare che sia la natura della strada, se pubblica o privata, a rendere obbligatorie le norme sulla circolazione e sui risarcimenti. Le regole stradali, infatti, valgono di certo sulle vie pubbliche (strade statali, provinciali, comunali, ecc.), ma talvolta anche su quelle private. Non è, infatti, la proprietà dell’area (se di enti pubblici o di privati) a costituire l’elemento di distinzione. Lo è invece l’uso che della strada stessa si fa. Se l’uso della strada è consentito a tutti, vige il codice della strada e si può essere risarciti dall’assicurazione anche se la strada è di proprietà di un privato. Al contrario, se l’uso della via è limitato a soggetti ben precisi, il codice della strada non si applica più.

Di conseguenza, si può essere risarciti dall’assicurazione in caso di altrui responsabilità per incidente non solo su una strada statale, provinciale, comunale, ecc., ma anche su uno spiazzo appartenente a un cittadino privato se l’uso di esso è pubblico, cioè consentito indistintamente a tutti i cittadini [1]. È il caso, per esempio, di un parcheggio su un ampio spiazzo di proprietà di una palestra oppure di una strada privata da percorrere per giungere a un centro commerciale.

Vale a dire: ogni qualvolta l’area, anche se di proprietà privata, sia aperta a un numero indeterminato di persone, alle quali sia data la possibilità di accedervi, sono applicabili le norme del codice stradale, sull’assicurazione obbligatoria e sulla responsabilità in caso di incidente. Anche la presenza di un cancello o di una sbarra di ingresso non esclude l’uso pubblico della strada se al suo interno vi possa entrare chiunque (come nel caso di un’area antistante un ospedale o uno spazio per il carico/scarico della merce) [2].

Recentemente, però, la Cassazione ha esteso l’applicazione di alcune norme del codice della strada anche alle strade private non aperte a tutti: si tratta delle norme che impongono la prudenza e diligenza alla guida del mezzo. Per cui, si è responsabili di omicidio colposo, per esempio, se su un’area privata limitata al traffico non si osservino le norme di prudenza e diligenza che il codice della strada prescrive sulle aree destinate all’uso pubblico. Infatti – spiegano i giudici – è identica la situazione materiale di pericolo derivante dalla predetta circolazione, per cui gli utenti dell’area privata hanno diritto di attendersi dai conducenti di veicoli un comportamento di rispetto del codice della strada anche quando questi ultimi si trovino a circolare in area privata [3].

note

[1] Cass. sent. n. 17350 del 25.06.2008.

[2] Trib. Roma sent. n. 11665 del 05.06.2012.

[3] Cass. sent. n. 7669 del 24.11.2005.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Salve, mia moglie con l’autovettura di famiglia nel fare manovra all’interno di un cortile di proprietà comunale, con la ruota anteriore destra andava a finire dentro un tombino lasciato semi aperto. Dopo alcuni accertamenti venivamo a conoscenza che l’area se pur comunale di fatto attualmente risulta area di cantiere per la costruzione di un asilo nido, anche se detta area non è assolutamente recintata ne tantomeno segnalata. A chi devo chiedere il risarcimento dei danni subiti? Alla ditta già individuata coperta da assicurazione o al Comune proprietario del suolo. Come mi devo muovere?
    Grazie

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua richiesta.
      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale e in tempi certi.
      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.
      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  2. In caso di parcheggio privato ad uso pubblico, recintato e con cancello, il proprietario è obbligato ad apporre la segnaletica stradale secondo il Codice oppure puö non metterla? In questo ultimo caso, il prprietario dell’area è corresponsabile degli incidenti? Nella fattispecie, manca la segnaletica delimitante i posti macchina in piazzale ed ognuno parcheggia dove e come vuole? Come si fa a dire che un veicolo “sosta regolarmente” in questo caso? Grazie e cordiali saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI