Diritto e Fisco | Articoli

Entro quanto impugnare un testamento

14 Febbraio 2017
Entro quanto impugnare un testamento

Per impugnare un testamento che lede la quota di legittima c’è tempo fino a 10 anni. Invece, per un testamento falso o di un incapace ci sono 5 anni.

Il termine per impugnare un testamento non è sempre lo stesso, ma varia a seconda del tipo di contestazione che viene mossa. Si va da 10 anni per le violazioni di legittima ai 5 anni per il testamento falso, contraffatto o dell’incapace. Ma procediamo con ordine.

Entro quanto impugnare un testamento per lesione di legittima

Come abbiamo spiegato nell’approfondimento Come impugnare un testamento, la legge riconosce al coniuge, genitori e figli del defunto – chiamati «legittimari» – delle quote minime di eredità (le cosiddette «quote di legittima»): ad essi vanno, cioè, sempre dei beni del patrimonio del soggetto deceduto, anche se questi ha disposto diversamente nelle proprie ultime volontà. Pertanto, qualora il testamento leda tali percentuali, si ha quella che viene detta lesione di legittima. L’azione per ripristinare le quote dei legittimari lesi può essere esperita entro 10 anni dall’apertura della successione.

Dunque per impugnare un testamento per lesione di legittima, gli eredi “legittimari” hanno 10 anni di tempo.

Entro quanto impugnare un testamento falso

Un testamento potrebbe essere stato falsificato o redatto da un’altra persona che poi abbia attribuito il documento al defunto. In tali casi, il termine per impugnare il testamento è di 5 anni che decorrono, anche in questo caso, dall’apertura della successione, pena la prescrizione dell’azione. In buona sostanza, se ci si accorge tardi della falsità del testamento o della sua firma o di una delle sue parti (perché, magari, vi è stata aggiunta da una terza persona), non c’è più possibilità di difendere le proprie ragioni.

Entro quanto impugnare un testamento di persona incapace

Una delle condizioni per redigere il testamento è di essere, in quel momento, capace di intendere e di volere. Così come è incapace il minore, lo è anche l’interdetto, l’inabilitato o il soggetto che sia stato momentaneamente privato delle proprie capacità (ad esempio sotto effetto di droga, alcol o di farmaci). Anche in questo caso il termine per impugnare il testamento è di 5 anni dal giorno in cui sono state eseguite le disposizioni testamentarie.

Entro quanto impugnare un testamento pubblico

Il testamento pubblico è quello redatto dal notaio e da questi conservato. Per sua natura è un testamento che è immune da falsità o alterazioni, proprio perché la presenza del pubblico ufficiale serve a certificare l’autenticità del documento. Tuttavia, la giurisprudenza ritiene che il notaio non debba verificare anche la capacità di intendere e di volere del testatore, né che questi disponga dei suoi beni senza ledere le quote di legittima. Dunque, il testamento pubblico può essere impugnato solo per:

  • incapacità, nel termine di 5 anni;
  • lesione di legittima, nel termine di 10 anni.

Invece l’impugnazione del testamento per falsità è tipica del testamento olografo, quello cioè conservato dallo stesso testatore. Come detto il termine per l’impugnazione è di 5 anni.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Buongiorno VORREI CHE QUALCUNO COMPETENTE MI AIUTASSE AD USCIRE DA UN TUNNEL;
    MIO PADRE E’ MORTO NEL 2003 ED HA LASCIATO UN TESTAMENTO OLOGRAFO IN CASA. MIO FRATELLO FURBO HA RUBATO IL TESTAMENTO IN CASA DI MIA MADRE MANOMETTENDO IL SUDDETTO TEST.
    MI HA DISEDERATO DALL’ASSE EREDITARIO, ACCORGENDOMENE DOPO I DIECI ANNI COSA POSSO FARE?

    1. Buongiorno mio padre e’ morto nel 2006 ma non ha lasciato nessun testamento ,i miei fratelli hanno convinto mia madre a fare un testamento olografo falso ed ora l’hanno lasciata senza soldi per vivere ,lei ora soffre di senilità ed e’ stata operata al femore e vive con 710€ al mese cosa posso fare? .

    2. Se hai fatto passare 10 anni, non puoi fare più nulla. Infatti, anche se il testamento fosse stato vero, avresti potuto impugnare lo stesso il testamento, esperendo l’azione di riduzione atta a riprenderti la tua legittima (cioè la quota minima di eredità che per legge avevi diritto ad ereditare da tuo padre), ma questo entro i 10 anni. Non pensarci più, ti rovinerai la vita. E’ capitato a tutti di perdere del denaro, anche grosse somme.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube